Studente abbaia a cane poliziotto: arrestato. “Ha cominciato prima lui”

cane poliziotto

In Florida non mancano le leggi curiose e nemmeno i trasgressori un po’ troppo esuberanti. Lo sa bene Antonio Morrison, giocatore di football della squadra collegiale Gators Florida, arrestato la scorsa notte per aver abbaiato a un cane poliziotto.

Secondo la ricostruzione dell’agente, chiamato a controllare una macchina parcheggiata fuori da un night club, il ragazzo si è avvicinato mentre il cane stava ispezionando il veicolo e ha cominciato ad abbaiare al poliziotto a quattro zampe per distrarlo dal suo compito. Scattato subito l’arresto, per il quale sono dovuti intervenire altri due agenti visto che Morrison poneva resistenza.

Il giocatore di football, però, non ha perso la calma e si è difeso affermando che non era tutta colpa sua. Il cane, infatti, aveva abbaiato per primo.

Ma Antonio Morrison non è nuovo a simili imprese: poco più di un mese fa, il 16 giugno, era stato arrestato per una rissa con un buttafuori reo, secondo lo studente, di non avergli fatto lo sconto per entrare al pub.

Per questa bravata, il giocatore ha dovuto pagare una multa di 100 dollari più altri 150 commutabili con dodici ore di lavori socialmente utili. Dovrà, poi, sostenere un corso sugli abusi di droga e alcool, uno sulla gestione della rabbia e due turni di otto ore in pattuglia insieme ai poliziotti stanziati nella sua università.

Per non parlare delle sanzioni relative al suo ultimo arresto, che potrebbero essere fantasiose tanto quanto il motivo della detenzione.

Su questa, però, si è espresso il portavoce dello sceriffo di contea, Art Forgey, che ha bacchettato il suo agente, il quale avrebbe dovuto semplicemente ammonire il ragazzo e non arrestarlo.

Mentre sulla paradossale situazione ha aggiunto: “È raro che qualcuno infastidisca un cane poliziotto. Nel dipartimento di Polizia di Gainesville abbiamo dei cavalli e a loro a volte succede. Ma generalmente tutti stanno sull’attenti davanti ai cani”.

Davide Iannotta

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nanabianca, la start up delle start up

Next Article

Prima colazione: chi la salta è a rischio infarto

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".