Nanabianca, la start up delle start up

start up

Cosa ci vuole per avere successo con una start up? Un’altra start up.

Questa l’idea dei tre web architetti, Paolo Barberis, Alessandro Sordi e Jacopo Marello, che hanno deciso di aprire Nanabianca, un vero e proprio acceleratore d’impresa che aiuti a sviluppare, in tutti i passaggi necessari, le aziende nate dalla creatività di giovani intraprendenti.

Nanabianca è nata a Firenze nel 2012 e in poco più di un anno è riuscita a quadruplicare il suo investimento iniziale.

Seleziona le idee innovative, ne testa l’efficacia sul mercato, sviluppa i prodotti e fornisce i collegamenti per accedere ai finanziamenti. Insomma una start up delle start up. Uno strumento utilissimo per orientarsi e crescere in un settore che sta attirando attenzioni sia dal mondo dei privati che da quello istituzionale.

Le aziende vengono scelte con una precisa politica di recruiting e dei software dedicati. Si cercano idee originali, talenti e, soprattutto, la capacità di farli crescere. Il requisito essenziale per accedere ai programmi di Nanabianca, infatti, è la presenza nel team aziendale di almeno uno sviluppatore e la disponibilità a trascorrere dai due ai nove mesi negli studi fiorentini della start up, a stretto contatto con esperti del settore.

Lì le nuove aziende saranno seguite da un team dedicato, da esperti in area legale, marketing e fiscale, e usufruiranno di agevolazioni economiche per acquistare prodotti dai partner del progetto, tra cui Microsoft, Amazon e LcDigital.

L’obiettivo di Barberis e soci è quello di creare un ambiente favorevole alle start up per crescere e diventare realtà imprenditoriali solide. In questa direzione è stata creata, persino, una rete, il progetto “Microseed” di Club Italia Investimenti, con un altro acceleratore d’impresa, H-Farm, e i poli universitari di Milano e Torino, per un totale di oltre 60 start up e quasi 300 persone.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Mobilità: 25 euro in più sugli abbonamenti per gli studenti

Next Article

Studente abbaia a cane poliziotto: arrestato. "Ha cominciato prima lui"

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.