Il riscatto della laurea? L’INPS lo fa pagare 125 mila euro

riscatto della laurea

Il riscatto degli anni di studio? Costa 125 mila euro. Questa la comunicazione giunta dall’INPS ad Alessandro, ex studente in Scienze della Comunicazione, in risposta al suo tentativo di riscattare gli anni spesi sui libri universitari.

Alessandro ha ottenuto il titolo accademico nel 2012, a 38 anni, e mentre già lavorava. Dopo un anno ha deciso di riscattare la laurea, un procedimento che permette ai lavoratori di ottenere, a proprie spese, i contributi previdenziali per il periodo degli studi universitari, in modo da anticipare l’età pensionabile o aumentare l’ammontare della pensione. Ma tutto poteva aspettarsi tranne un conto tanto salato: oltre 125 mila euro.

“E’ una cifra totalmente fuori mercato. Anche se li avessi  li utilizzerei per fare altro, non ne varrebbe la pena – racconta il ragazzo – Sarebbe del tutto antieconomico spendere una cifra del genere per anticipare la mia pensione di cinque anni”.

Una cifra esagerata che si spiega solo con l’ottima posizione lavorativa già ottenuta dall’ex studente ai tempi del suo percorso universitario. Sul conto effettuato dall’INPS per stabilire la cifra necessaria al riscatto della laurea, infatti, pesa particolarmente lo stipendio percepito nei 52 mesi precedenti la richiesta.

Qui sotto il bollettino inviato dall’INPS al malcapitato studente

inps

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Luigi Frati, Rettore de La Sapienza, rinviato a giudizio per abuso d'ufficio. Avrebbe raccomandato il figlio

Next Article

Le dimensioni contano: gli italiani sesti al mondo. Vincono i congolesi

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".