Luigi Frati, Rettore de La Sapienza, rinviato a giudizio per abuso d’ufficio. Avrebbe raccomandato il figlio

luigi frati abuso d'ufficio

Il Rettore dell’Università La Sapienza di Roma, Luigi Frati, è stato rinviato a giudizio per il reato di abuso d’ufficio. Avrebbe raccomandato suo figlio, Giacomo, alla direzione di un reparto del Policlinico universitario Umberto I.

Concluse le indagini preliminari: la Procura di Roma ha rinviato a giudizio il Rettore della prima Università romana, suo figlio e altre due persone. I fatti contestati risalgono al 2011, quando, secondo l’accusa, Luigi Frati avrebbe sollecitato i responsabili delle risorse umane del Policlinico Umberto I per far guidare il reparto di chirurgia cardiovascolare a suo figlio, Giacomo.

L’indagine è stata condotta dal pm Alberto Pioletti. Oltre al rettore Frati e suo figlio sono accusati anche l’ex commissario straordinario del Policlinco universitario Umberto I, Antonio Capparelli, e il direttore sanitario, Francesco Vaia, firmatari della delibera che istituiva la struttura. L’ipotesi di omissione di atti d’ufficio è contestata a Floriana Rosati, dirigente del settore risorse umane, la quale, secondo Pioletti, non avrebbe trasmesso alla Regione Lazio la delibera relativa alla costituzione del nuovo reparto di ricerca medica.

Ora il rettore della Sapienza e gli altri indagati dovranno rispondere davanti alla giustizia. Per il reato loro contestato la pena prevista può variare tra i 6 mesi e i tre anni di reclusione.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Anche nello sport... parlare civile". La conferenza a Roma Tre

Next Article

Il riscatto della laurea? L'INPS lo fa pagare 125 mila euro

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".