“Anche nello sport… parlare civile”. La conferenza a Roma Tre

ITALY SOCCER LAZIO AS ROMA VIOLENCE

Insulti, minacce e violenza. Lo sport parla un linguaggio violento e plasma una società altrettanto aggressiva. Per questo l’agenzia di stampa Redattore Sociale e dell’Associazione Parsec hanno varato il progetto “Parlare civile”.

Un impegno che si concretizza adesso nel libro “Anche nello sport…parlare civile”, che verrà presentato venerdì 6 dicembre, alle ore 11,30, presso l’Università Roma Tre, aula 5 Giurisprudenza.

“È un alfabeto bellico quello usato nello sport; un linguaggio comune, televisivo, giornalistico, usato nel bar come a casa. Un vocabolario che modella e che crea una società a misura delle parole – si legge nel comunicato relativo all’evento – Parole spesso tutt’altro che civili,del tutto violente, discriminatorie, che troppo spesso vengono poi riciclate per altri tipi di linguaggi – soprattutto quello politico – influenzando negativamente la società”.

A moderare l’incontro di presentazione, il giornalista de La Repubblica Corrado Zunino. Con lui discuteranno sul tema anche Antonio D’Alessandro, presidente dell’Associazione Parsec, Gianluca Di Girolami, presidente UISP Roma e Marco Mencaglia, vicepresidente ACLI Roma.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Rapporto Ocse Pisa: studenti italiani al di sotto della media europea. Ma il Triveneto è al top in matematica

Next Article

Luigi Frati, Rettore de La Sapienza, rinviato a giudizio per abuso d'ufficio. Avrebbe raccomandato il figlio

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".