Esame di Stato 2022 resta in vigore il Curriculum dello Studente: come farlo

É entrato in vigore lo scorso anno il Curriculum dello Studente, il documento che raccoglie le esperienze svolte da ciascuno studente.

Il Curriculum dello Studente è la fotografia del percorso formativo con le esperienze in ambito scolastico ed extrascolastico. Deve contenere: Certificazioni linguistiche ed informatiche, attività culturali, artistiche, sportive e di volontariato. Questi contenuti verranno valorizzati nel corso dell’Esame.

Com’è strutturato

  • La prima parte contiene tutte le informazioni relative al percorso di studi, al titolo di studio conseguito, ad eventuali altri titoli posseduti, ad altre esperienze svolte in ambito formale.
  • La seconda parte è inerente alle certificazioni di tipo linguistico, informatico o di altro genere
  • La terza parte riguarda le attività extrascolastiche svolte ad esempio in ambito professionale, sportivo, musicale, culturale e artistico, di cittadinanza attiva e di volontariato

Scarica un esempio di curriculum dello studente e scopri da quali parti e composto e come compilarlo

La piattaforma

Il Ministero dell’Istruzione mette a disposizione una piattaforma semplice, veloce e intuitiva per supportare tutti gli attori coinvolti che hanno un ruolo specifico nel processo di realizzazione e utilizzo del Curriculum. Le commissioni d’esame tengono conto del Curriculum dello studente nello svolgimento del colloquio.

“Giù le mani dalle due prove scritte della Maturità 2022”

Da Luciano Canfora a Paola Mastrocola, nuovo appello per salvare l’esame di Stato: non solo il tema, ma anche la seconda prova è indispensabile

Continua la mobilitazione del mondo accademico contro l’ipotesi di un nuovo esame di Maturità con prove in versione light causa Covid. Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha ottenuto attraverso la legge di Bilancio la delega a modificare con una o più ordinanze l’esame di Stato a seconda dell’andamento dell’emergenza sanitaria. Al momento le ipotesi al vaglio sono tre: maxi orale come l’anno scorso, orale più tema ma senza seconda prova, oppure Maturità integrale, con entrambi gli scritti. La decisione verrà presa a gennaio.

Leggi la lettera / appello sulle prove di Maturità

Le ipotesi per la Maturità

Le ipotesi al vaglio sono tre: un orale rinforzato con un elaborato, una prova scritta, ma decisa dalla commissione, il ripristino dalla maturità ante Covid (due prove scritte più prova orale). In realtà il campo si restringe a due ipotesi: il maxi orale con elaborato (come negli ultimi due anni) e la novità della prova scritta non più a carattere nazionale, ma predisposta dalla singola commissione di esame affinché tale prova sia aderente alle attività didattiche effettivamente svolte nel corso dell’anno scolastico.

Il testo dell’emendamento approvato in legge di Bilancio

Intanto, come già detto nelle scorse settimane, è arrivato il via libera all’emendamento per permettere al Ministero dell’Istruzione di poter decidere sullo svolgimento della prova. In ragione dell’andamento del virus, un emendamento alla manovra 2022 assegna ai tecnici ministeriali la possibilità di emanare una o più ordinanze per adottare specifiche misure per la valutazione degli apprendimenti e per lo svolgimento dell’esame di Stato (terza media e maturità).

Curriculum dello Studente, il nuovo documento per l’Esame di Stato

Maturità, il ministro Bianchi difende il curriculum dello studente: “Non è classista”

Leggi anche:

Maturità, scritto d’italiano e poi orale. Floridia: “Se pandemia lo permette torneremo ad esame tradizionale”

Total
11
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Case per gli studenti, quali sono i paesi europei che investono di più?

Next Article

Il ministro Bianchi è sicuro: "A gennaio si torna tutti in classe". Ma il sindacato dei prof lo gela: "Le scuole non sono sicure, subito la Dad"

Related Posts
Leggi di più

Raid vandalico davanti alla sede dell’Usr a Roma: scritte e fumogeni contro le denunce agli studenti per le occupazioni

Questa notte il movimento studentesco "La Lupa" ha messo a segno un blitz davanti alla sede dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio per protestare contro la circolare del direttore generale che invitava i presidi a denunciare gli studenti che avevano dato vita alle occupazioni degli istituti nelle scorse settimane. In alcune scuole romane sono già stati presi i primi provvedimenti e avviate le procedure per le richieste di risarcimento dei danni.