“TrovaLavoro”: “Il lavoro che dà dignità è in estinzione”

TrovaLavoro foto

Il 6 Giugno 2013 alle ore 21:00, l’associazione Lettori Portatili presenta lo spettacolo teatrale “TrovaLavoro”, uno spettacolo teatrale scritto da Patrizia Maltese, con la regia di Enrica Rosso. Lo spettacolo è patrocinato dalla Commissione per le Pari Opportunità della Regione Umbria.

Il posto fisso è monotono, il lavoro non è un diritto, chi non si è ancora laureato a 27 anni è uno sfigato e gli studenti universitari fuoricorso sono un costo sociale e, se lavorano, dovrebbero scegliere il part-time.
Sono alcune “perle di saggezza” elargite negli ultimi tempi all’Italia da salvare, ma il lavoro, quello vero, quello che dà dignità, sancito dall’articolo 1 della Costituzione italiana, è in via di estinzione.
C’è tutto questo in Trovalavoro, un lavoro per trovare lavoro: drammatica ricerca tra gli annunci online (riportati, di proposito, con una serie di raccapriccianti e/o rrori di grammatica e di ortografia), compiuta per mesi da una donna disoccupata.
Il testo di Trovalavoro, nato come pamphlet di denuncia, è diventato uno spettacolo teatrale prodotto dall’Associazione Lettori Portatili. Presentato al pubblico nella data simbolica del 1° Maggio nella storica cornice del Teatro Mancinelli di Orvieto, è ora riproposto in un luogo simbolico: la casa internazionale delle donne.
AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Spagna, studentessa gira video osé, ma finisce su tutti gli smartphone della scuola

Next Article

Impossibile mentire. Anche le bugie hanno impronte digitali

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".