Spagna, studentessa gira video osé, ma finisce su tutti gli smartphone della scuola

VIDEO HOT STUDENTESSA +

VIDEO HOT STUDENTESSA – Sesso, bugie e video molto pericolosi: una ragazzina innamorata di un compagno di scuola si è filmata in pose osé, ma le immagini sono finite sugli smarthphone di tutta la scuola, dopo che un’altra ragazzina, che è stata arrestata, ha diffuso il video probabilmente tramite WhatsApp.

Ad essere arrestata con le accuse di “pornografia infantile e vilipendio alla morale” è stata una 14enne che ha semplicemente inoltrato il materiale “hot”, mentre la “vittima”, 13 anni, che il video l’ha girato da sola, non è stata fermata perchè minorenne, come il compagno che le ha chiesto insistentemente di fare il video, ma che voleva solo prenderla in giro ed è stato il primo a diffondere le immagini.

La polizia è riuscita ad arginare la diffusione del video e hanno spiegato agli studenti coinvolti che chiunque posti, diffonda o mostri materiale con contenuto pornografico a minorenni è un reato. “Abbiamo registrato già diversi casi di foto o video a carattere sessuale, in cui si vedono giovani e che si diffondono in modo virale come vendetta personale o per umiliare o ricatto sessuale”, ha avvertito la polizia spagnola.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Lotta alle mafie", lectio magistralis di don Ciotti

Next Article

"TrovaLavoro": "Il lavoro che dà dignità è in estinzione"

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident