Studenti di tutto il mondo tremate: arriva la App che disattiva gli smartphone a scuola

app che disattiva gli smartphone

Studenti di tutta Italia tremate! Nessuno smartphone potrà più salvarvi dai compiti in classe: dall’Asia arriva la App che permette ai professori di controllare tutti i telefonini di una classe.

Si chiama iSmartkeeper ed è stata progettata in Sud Corea, nella provincia di Gangwon. L’applicazione consentirebbe ai docenti di potere di spegnere i cellulari di tutta la classe, consentire solo le chiamate d’emergenza oppure quelle vocali, disattivando qualsiasi altra App per l’intera durata delle lezioni.

Un vero incubo per tutti i ragazzi che fanno affidamento sullo smartphone e sulle numerose Application di appunti, suggerimenti e riassunti per superare interrogazioni improvvise o compiti in classe a sorpresa. Ma anche un toccasana per gli insegnanti costretti a competere, ingiustamente, con le attrattive offerte da social network e giochi ben più accattivanti delle loro lezioni.

La Società Nazionale di informazione Sud Coreana, intanto, spiega la necessità dell’autoritaria App: stando a quanto riportato, infatti, gli adolescenti coreani avrebbero sviluppato una relazione malsana con i loro smartphone, usandoli più di sette ore al giorno e andando incontro a sindromi di ansia, insonnia e depressione quando ne vengono privati.

Così iSmartkeeper, che funziona con la tecnologia Geofencing, assume il controllo dei cellulari degli studenti appena varcano il portone della scuola e smette di funzionare all’uscita dall’istituto. O almeno dovrebbe, perché sono stati riportati alcuni casi in cui gli smartphone sono rimasti inutilizzabili anche svariate ore dopo la fine delle lezioni, catapultando i malcapitati proprietari nella disperazione più totale.

I giovani coreani, nel frattempo, si sono messi al lavoro per inventare un’altra App che annulli gli effetti di iSmartkeeper (che al momento funziona solo su piattaforma Android). E gli studenti italiani, invece? Chissà come accoglierebbero una simile novità?

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scambiata per guida abusiva mentre accompagnava scolaresca alle catacombe: multa di mille euro per giovane scrittrice

Next Article

La denuncia a CorriereUniv: "Vogliamo più spazio per studiare all'Università"

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".