Studenti di tutto il mondo tremate: arriva la App che disattiva gli smartphone a scuola

app che disattiva gli smartphone

Studenti di tutta Italia tremate! Nessuno smartphone potrà più salvarvi dai compiti in classe: dall’Asia arriva la App che permette ai professori di controllare tutti i telefonini di una classe.

Si chiama iSmartkeeper ed è stata progettata in Sud Corea, nella provincia di Gangwon. L’applicazione consentirebbe ai docenti di potere di spegnere i cellulari di tutta la classe, consentire solo le chiamate d’emergenza oppure quelle vocali, disattivando qualsiasi altra App per l’intera durata delle lezioni.

Un vero incubo per tutti i ragazzi che fanno affidamento sullo smartphone e sulle numerose Application di appunti, suggerimenti e riassunti per superare interrogazioni improvvise o compiti in classe a sorpresa. Ma anche un toccasana per gli insegnanti costretti a competere, ingiustamente, con le attrattive offerte da social network e giochi ben più accattivanti delle loro lezioni.

La Società Nazionale di informazione Sud Coreana, intanto, spiega la necessità dell’autoritaria App: stando a quanto riportato, infatti, gli adolescenti coreani avrebbero sviluppato una relazione malsana con i loro smartphone, usandoli più di sette ore al giorno e andando incontro a sindromi di ansia, insonnia e depressione quando ne vengono privati.

Così iSmartkeeper, che funziona con la tecnologia Geofencing, assume il controllo dei cellulari degli studenti appena varcano il portone della scuola e smette di funzionare all’uscita dall’istituto. O almeno dovrebbe, perché sono stati riportati alcuni casi in cui gli smartphone sono rimasti inutilizzabili anche svariate ore dopo la fine delle lezioni, catapultando i malcapitati proprietari nella disperazione più totale.

I giovani coreani, nel frattempo, si sono messi al lavoro per inventare un’altra App che annulli gli effetti di iSmartkeeper (che al momento funziona solo su piattaforma Android). E gli studenti italiani, invece? Chissà come accoglierebbero una simile novità?

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scambiata per guida abusiva mentre accompagnava scolaresca alle catacombe: multa di mille euro per giovane scrittrice

Next Article

La denuncia a CorriereUniv: "Vogliamo più spazio per studiare all'Università"

Related Posts
Leggi di più

Francia, suicida la star dei social MavaChou: travolta dagli insulti dei fan dopo la separazione dal marito

Maëva Frossard, 32 anni, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. La procura di Epinal vuole capire se il suo gesto può essere stato una diretta conseguenza degli insulti ricevuti sui social network dove lei aveva costrutito un piccolo impero grazie ai video sulla vita di coppia e consigli per l'acquisto con l'ex marito. La situazione poi è precipitata dopo la loro separazione.