La denuncia a CorriereUniv: “Vogliamo più spazio per studiare all’Università”

pacanowsky

Segnala, racconta, denuncia: riceviamo e pubblichiamo la segnalazione che ci arriva dall’Università Parthenope di Napoli, nella sede di via monte di Dio.

“Da settimane, ormai, sia personalmente che con il gruppo Uniparthenope in Azione-Sos, mi sono e ci siamo impegnati nella battaglia dell’ampliamento delle aule studio.

In particolare la nostra proposta è quella di tenere aperte le aule quando non utilizzate per i corsi unita alla possibilità di usare uno degli spazi dedicati alla mensa come aula studio.

In questi giorni ho avuto un incontro con il nostro rettore al quale ho comunicato il nostro disagio inerente l’insufficienza di spazi per lo studio. A breve protocollerò la nostra proposta con le annesse firme (fin ora più di 600) . Al momento ho  ottenuto l’impegno di acquisto di nuovi tavoli che si aggiungeranno agli attuali in aula studio e verranno collocati anche in giro per l’università .

Il rettore si eèdimostrato disponibile all’apertura di una delle due aule mensa ma meno propenso all’apertura di tutte le aule non utilizzate per i corsi. Sono convinto che le numerosissime firme e ulteriori trattative renderanno possibile l’ottenimento anche di questa seconda soluzione. Spero di riuscire ad ottenere il massimo possibile per la nostra comunità universitaria”.

Ernesto Sica, vicepresidente del consiglio degli studenti di Ateneo dell’università Parthenope

 

Qualcosa non va nella tua Università? Segnala, racconta, denuncia! Siamo pronti a darti voce

Scrivici a [email protected]

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studenti di tutto il mondo tremate: arriva la App che disattiva gli smartphone a scuola

Next Article

Gli studenti attaccano il MIUR: "Fino ad ora solo ideologie di palazzo"

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.