Gli studenti attaccano il MIUR: “Fino ad ora solo ideologie di palazzo”

manifestazione
L’Unione Degli Studenti risponde alle dichiarazioni del sottosegretario all’istruzione Toccafondi a seguito del convegno sulla parità scolastica svoltosi a Firenze il 22 Marzo.
 
“Rimandiamo al mittente le accuse fatte da Toccafondi” – afferma Roberto Campanelli, Coordinatore nazionale UdS – “Il dibattito che nelle ultime settimana si sta instaurando nel paese sulla parità scolastica è una discussione ricca di quella ideologia che il sottosegretario recrimina a chi difende ogni giorno la scuola pubblica”.
“E’ evidente che Toccafondi non si sia mai recato in una scuola pubblica e non conosca lo stato in cui vertono le scuole italiane. La vera ideologia è voler far cresce coi fondi pubblici le scuole private. Difendere il finanziamento alla scuola pubblica significa essere coscienti del fatto che le scuole frequentate dalla maggior parte degli studenti e delle studentesse del paese oggi non hanno strumenti per adempiere agli obiettivi formativi e rinnovarsi dal punto di vista didattico a causa dei tagli degli ultimi anni”.
“Peraltro, “- aggiunge Campanelli – “sembra che il sottosegretario si sia scordato il tasso di dispersione scolastica del 17,2% per cui siamo il vero fanalino di coda internazionale. E’ compito anche di Toccafondi assicurare un sistema di diritto allo studio e di welfare studentesco che permetta ad ogni studente di perseguire gli studi, specialmente in questi tempi di crisi in cui si sono inasprite le disuguaglianze ed il classismo all’interno delle nostre scuole. Parlare di buono scuola in questa situazione è inaccettabile.”
“Siamo convintamente dalla parte della scuola pubblica” – conclude l’UdS – “perchè viviamo le scuole ogni giorno e non possiamo accettare il perpetrarsi di privilegi contro l’articolo 33 della Costituzione. Riteniamo giusto che il Ministero sposti ogni tipo di finanziamento dalle scuole paritarie private alle scuole pubbliche statali e concordi con gli enti locali una percentuale di finanziamento per le scuole paritarie pubbliche. Questo non è pregiudizio, ma volontà di risollevare una scuola distrutta da 10 anni di politiche di austerità e tagli ingiustificati”.
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La denuncia a CorriereUniv: "Vogliamo più spazio per studiare all'Università"

Next Article

Numero chiuso - Medicina, dall'estero si può bypassare il test

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".