Savona – Studentessa violentata a scuola: in manette quattro compagni di classe

violentata a scuola

Violentata a scuola – Violentata da quattro compagni di classe nello spogliatoio della scuola. L’assurda vicenda è accaduta a Savona, nell’istituo alberghiero Migliorini di Finale Ligure: vittima dell’aggressione una studentessa di 16 anni costretta da quattro suoi coetanei a consumare un rapporto sessuale nei bagni della scuola.

I fatti risalgono alla fine di gennaio, quando la giovane si è confidata con i propri genitori, i quali hanno subito presentato denuncia ai carabinieri. I quattro ragazzi accusati di violenza sessuale sono stati arrestati e inviati in comunità di recupero liguri e toscane in attesa che il gip del Tribunale di Genova pronunci la sentenza finale.

Stando alla ricostruzione dei fatti  fornita dalla vittima e da alcuni suoi compagni di classe, sarebbe stato uno dei quattro ragazzi a trascinare la studentessa nel bagno dove poi l’avrebbe costretta a consumare un rapporto orale, mentre gli altri tre giovani avrebbero solo assistito alla scena, in attesa, forse, che arrivasse il loro “turno”. Solo l’intervento di un docente, insospettito a causa dei rumori provenienti dai bagni, ha salvato la ragazza dalla violenza dei suoi compagni di classe.

Spetterà ora al pubblico ministero della procura dei minori di Genova interrogare i quattro accusati e fornire un quadro complessivo della vicenda. Secondo gli inquirenti nessun altro studente è coinvolto nella vicenda della presunta violenza sessuale. I carabinieri hanno indagato solo i quattro ragazzi scoprendo che nei giorni precedenti alla vicenda avrebbero individuato la ragazza come la loro possibile preda.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Il grido degli studenti: "Senza inversione di marcia sull'istruzione il paese muore"

Next Article

Lo "smile" vale come un sorriso vero: per il cervello non c'è nessuna differenza

Related Posts
Leggi di più

Raid vandalico davanti alla sede dell’Usr a Roma: scritte e fumogeni contro le denunce agli studenti per le occupazioni

Questa notte il movimento studentesco "La Lupa" ha messo a segno un blitz davanti alla sede dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio per protestare contro la circolare del direttore generale che invitava i presidi a denunciare gli studenti che avevano dato vita alle occupazioni degli istituti nelle scorse settimane. In alcune scuole romane sono già stati presi i primi provvedimenti e avviate le procedure per le richieste di risarcimento dei danni.