Roma Tre: incontro con Giuliana Salce. Ascesa, caduta e rinascita di una campionessa sportiva

giuliana salce

Giuliana è una campionessa di atletica e vince il mondiale di marcia a 30 anni.
Giuliana eccelle anche con la bici dopo i 40.
Giuliana patisce le conseguenze di una vita difficile e infine, mal consigliata, cade nell’abisso del doping.
Nel 2004, dopo la morte di Marco Pantani, Giuliana decide di farla finita e racconta tutto alla magistratura, autodenunciandosi.
Il suo outing coinvolge un gran numero di addetti ai lavori, presunti colpevoli di averle somministrato sostanze illecite. Da quel momento, riorganizzarsi la vita diventa per lei un’odissea. Un nemico durissimo e invisibile fa sì che Giuliana non trovi lavoro nemmeno presso le pulizie di un centro commerciale.

Oggi, dopo anni di battaglie, vinte e perse soprattutto con se stessa, Giuliana si sente rinata, lavora presso l’AMA e ha una vita affettiva stabile. Nella sua vicenda, c’è tutta la fragilità e insieme la grandezza dell’essere umano.

Martedì 23 aprile 2013 alle ore 10 presso l’aula 9 della facoltà di Lettere e Filosofia, via Ostiense 234, Giuliana Salce parla della sua vicenda – personale, sportiva e giudiziaria -, già oggetto del libro autobiografico dal titolo “Dalla vita in giù” (Bradipolibri, Torino).

Relatore dell’ incontro, il giornalista del quotidiano “La Repubblica”, Mattia Chiusano.
È prevista la presenza del Presidente dell’AMA, dott. Piergiorgio Benvenuti, e quella del Presidente della Maratona di Roma, prof. Enrico Castrucci.

Moderatore: Diego Mariottini (Ufficio Iniziative Sportive Roma Tre)

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un'app per fare sesso a distanza collegata all'intimo hi-tech

Next Article

Test d'ingresso a Medicina: 8mila candidati in fila, è caos

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".