Rissa su un campo da calcio. Per difendersi dall’avversario gli morde i genitali

Schermata 2013-03-13 a 14.08.06

Si difende dalla raffica di pugni e calci dell’avversario mordendogli i genitali.
E’ accaduto a Carpineto Sinello, piccolo comune del Vastese su uno dei campi della  Terza categoria abruzzese.

Si affrontano la squadra locale e i gialloverdi di Lentella. I tre punti valgono la rincorsa ai play-off. Il primo tempo termina in parità, ma la tensione sale da ambo le parti.

Nel secondo tempo due cartellini rossi – uno per parte – fanno da preludio a quello che accadrà più tardi. In seguito a un fallo di gioco, nel finale di gara, nasce un alterco tra l’autore dell’entrata pericolosa – il numero 10 locale – e un avversario che reclama l’espulsione. La situazione degenera rapidamente alla vista del rosso diretto. Il giocatore del Carpineto Sinello colpisce con un primo pugno il rivale, i compagni non riescono a trattenerlo. Seguono altri colpi e calci. Il lentellese cerca di reagire e cade in ginocchio, mentre l’altro continua a colpirlo dall’alto.

Nel furioso cerchio di giocatori e dirigenti, il gialloverde da terra, morde alle parti basse lo scatenato avversario. Quando a forza i due sono finalmente separati, il calciatore del Carpineto scopre di aver una vasta ferita. Il sangue è visibile e suscita preoccupazione nei presenti. Avrebbe bisogno delle cure mediche, ma continua a minacciare l’avversario e a stento viene trattenuto. La partita, per i due, continua al di fuori del campo. Al Pronto Soccorso di Gissi al numero 10 vengono applicati 7 punti di sutura sulla parte delicata.

Al gialloverde, al San Pio di Vasto, vengono riscontrate contusioni al volto e al torace. Ne avranno entrambi per qualche giorno. Sull’episodio è chiamato a pronunciarsi un giudice sportivo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

David Bowie, sesso a tre la notte prima delle nozze

Next Article

Ingegneri, esperti di green economy e sarti, le figure più richieste a Milano

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".