Pisa, gli studenti gareggiano con i sumo-Robot

a4c4d99a7ec3e5f435ccba6b2fe4c614_L

Quaranta studenti delle scuole medie superiori, in rappresentanza di istituti di Foligno, Marsala, Pontedera, Siena e Udine hanno partecipato alle gare della diciottesima edizione della Robofesta che è coincisa con le finali nazionali di specialita’ robotiche.

Ogni automa, interamente progettato e realizzato dagli studenti, doveva seguire un tracciato di formula uno o spingere il contendente fuori da un recinto, proprio come per il sumo giapponese. La gara era ovviamente super visionata dagli insegnanti.

La Robofesta di Pisa, promossa insieme all‘istituto di Biorobotica della Scuola Superiore Sant’Anna, con la collaborazione della Provincia e del Comune di Pisa, è un’iniziativa, inserita nel calendario del ministero della pubblica istruzione, che pone il valore della robotica come disciplina educativa, traversale, multidisciplinare, inclusiva e adatta a sviluppare il senso del progetto che nasce in team.

Tra i partecipanti alle gare, diversi robot si sono distinti per le proprie caratteristiche e peculiarità. Un esempio rappresentativo: il robot di  due studenti dell’Ipsia ”Fascetti” di Pisa, l’istituto dove si è svolta la manifestazione, hanno assemblato la loro mascotte partendo da uno spazzolino da denti e da un motore di telefono cellulare.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Siri, un'orfana adottata da Apple. Ma chi è veramente?

Next Article

Olio d'oliva per il restauro del Colosseo?

Related Posts
Leggi di più

Docenti poco rispettati dagli studenti? “È soprattutto colpa dei genitori”

Un sondaggio di Swg per la Gilda Insegnanti prova a capire la cause che hanno portato alla perdita di autorevolezza della figura dell'insegnante. Per la maggioranza degli intervistati la causa principale è lo screditamento della figura del prof messo in atto dai genitori degli studenti con continue interferenze nell'ambito didattico.