Oggi a Napoli colloqui su: “Le primavere Arabe e le democrazie europee”

Le primavere arabe, definite l’equivalente per l’Africa del nord e il Medio Oriente di ciò che fu la caduta del muro di Berlino per l’Europa nel 1989. Se questo paragone valesse,  allora potrebbero cambiare le dinamiche non solo per i  Paesi interessati da questi fenomeni di rivoluzione interna, ma per l’intero Occidente.

È il motivo per il quale si avverte sempre di più la necessità di un colloquio a più voci su questo argomento. A Napoli, è  la  Fondazione Francesco De Martino

Istituto Campano per la Storia della Resistenza, dell’Antifascismo e dell’Età contemporanea «Vera Lombardi» insieme alla Rivista bimestrale «il Tetto» ad organizzare un dibattito su

Le primavere arabe e le democrazie europee, in occasione della pubblicazione del numero 290-291 della rivista «il Tetto»

Questo pomeriggio, a partire dalle ore 17,30, in via Morghen (quartiere Vomero) intervengono

Mario Coppeto (Presidente della Municipalità Arenella-Vomero) F.E. D’Ippolito (Direttore della Fondazione Francesco De Martino). Ad introdurre e moderare i lavori  Ugo M. Olivieri («il Tetto»). Discuteranno  Michelangelo Cocco (Giornalista de «Il Manifesto») Giovanni La Guardia (Università «l’Orientale») Adriano Rossi (Università «l’Orientale»). Le conclusioni sono affidate a

Pasquale Colella («il Tetto»)

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Fare sesso al risveglio aiuta l'umore e aumenta le difese immunitarie

Next Article

Rapporto Censis: “I giovani vanno via a causa della cattiva politica"

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".