Niente nota: per i bulli, volontariato alla Caritas

caritas

Altro che nota sul registro: bulli, studenti che fanno disperare insegnanti e genitori, alunni che si divertono ad essere il tormento dei compagni, scontano la “pena” rendendosi socialmente utili alla Caritas.

L’idea arriva da Foligno e si propone come uno spunto importante per tutte le scuole nazionali.
Spesso, si tratta di ragazzi che provengono da famiglie con grossi problemi e che hanno grandi difficoltà. Il volontariato alla Caritas li aiuta a scoprire una dimensione nuova e a riscoprire nell’altro in difficoltà una parte di sé.

Si tratta di una metodologia che produce effetti molto importanti sugli studenti.
La diffidenza iniziale non è dovuta a presunzione, ma, spesso, alla difficoltà di rapportarsi con l’altro.  È stata un banco di prova per tutti che ha portato ad un bilancio complessivo. L’esperienza vissuta gomito a gomito ha visto molti di questi giovani proseguire nell’esperienza del volontariato”, ha spiegato il Direttore della Caritas, Mario Masciotti.

AZ

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Borsellino, un concorso di documentari per studenti

Next Article

Miur, passaggio di consegna tra Profumo e Carrozza

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".