Borsellino, un concorso di documentari per studenti

Schermata 2013-04-30 a 13.28.17

Il Centro studi “Paolo Borsellino” e il Miur lanciano un concorso aperto alle scuole per la produzione di video, film e documentari ispirati a “quel fresco profumo di liberta’, frase di cui Paolo Borsellino fece il leit motiv del suo lavoro, contrapposto al “puzzo del compromesso e della mafia”. Il concorso, ha detto Rita Borsellino, sorella del magistrato ucciso nella strade di via D’Amelio, “e’ un invito per le scuole che negli anni hanno mostrato interesse, attenzione e sensibilita’ ai temi della legalita’, della lotta alle mafie, della cittadinanza attiva, della pace e dell’intercultura, per dare voce e concretezza a ‘quel fresco profumo di liberta” di cui parlava Paolo. Sono sicura della risposta delle scuole e mi aspetto una grande partecipazione”.

Al concorso possono partecipare, divise in due sezioni distinte, tutte le scuole secondarie di primo e secondo grado, statali e paritarie, che abbiano gia’ prodotto nel 2011 e nel 2012 o produrranno nel 2013 video sui temi della educazione alla legalita’ democratica, della lotta alle mafie, dell’impegno civile e della cittadinanza attiva, della pace, dell’intercultura. Verranno ammessi prodotti multimediali di diverso genere e tipologia (fiction, documentario, inchiesta, reportage, spot sociale).

Il bando e’ sui sito del Miur https://www.istruzione.it/ e del Centro studi https://centropaoloborsellino.wordpress.com. Gli elaborati presentati nei termini stabiliti (30 settembre 2013) verranno valutati da una giuria presieduta da Rita Borsellino, e una rappresentanza di studenti e insegnanti delle cinque scuole vincitrici potra’ partecipare all’ iniziativa che si terra’ nel mese di novembre 2013 a Bruxelles, nella sede del Parlamento europeo, per la chiusura delle attivita’ della Commissione parlamentare speciale Crim (Criminalita’ organizzata, corruzione e riciclaggio di denaro).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Milano, nel 2013 aperte 27 nuove imprese al giorno

Next Article

Niente nota: per i bulli, volontariato alla Caritas

Related Posts
Leggi di più

Ue, quattro scuole italiane vincono il premio per l’insegnamento innovativo

Annunciati i vincitori dell'edizione 2022 del Premio europeo per l'insegnamento innovativo EITA- European Innovative Teaching Award: sono l'Istituto tecnico agrario “A. Trentin” di Lonigo (Vicenza), la scuola secondaria Statale di Primo Grado "G.Bianco- G. Pascoli" di Fasano (Brindisi), l'Istituto comprensivo "D'Azeglio-Nievo" di Torino e "Ettore Guatelli" a Collecchio (Parma). Il 25 ottobre la consegna dei premi a Bruxelles.