Nasce a Napoli IGoOn, il primo autostop digitale

foto i go on (1)

Si chiama IGoOn: si tratta di un’App per smartphone che, di fatto, mette in collegamento un conducente d’auto con chi cerca un passaggio per spostarsi su tratte sia urbane che extraurbane. In sostanza un autostop digitale.

L’idea è stata sviluppata a Napoli da Claudio Cimmelli, vincitore allo start up week end, una gara di idee tra giovani innovatori, lo scorso dicembre. “Tutto nasce dalla osservazione della realtà urbana – spiega Cimmelli all’Ansa – e dai problemi legati al traffico, all’inquinamento e al fatto che numerose auto circolano con una sola persona a bordo”.

L’App ci consente di localizzare in tempo reale un’auto da condividere fra più persone che percorrono una stessa tratta. Il sistema è semplice: dopo aver avviato l’App, il passeggero segnala la necessità di un passaggio. iGoOn è in grado di localizzare il richiedente tramite il gps dello smartphone. A questo punto occorre indicare la destinazione e aspettare che il sistema elabori i dati per trovare auto che transitano lungo quella strada.

A sua volta l’automobilista visualizza il profilo di chi formula la richiesta e può decidere se accettare o rifiutare. Se l’automobilista decide di accettare, arriverà una notifica al passeggero. La prima versione di iGoOn sarà resa disponibile a maggio.

Al momento è possibile registrare il nominativo alla newsletter del sito www.igoon.it per restare aggiornati. Gli iscritti avranno la possibilità di sperimentare per primi il servizio.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'esperimento - Giornata lavorativa di 6 ore invece che 8: così si aumenta produttività e benessere

Next Article

Assange, Rodotà e Ainis parlano all'Università di Pisa

Related Posts
Leggi di più

Si laurea in autogrill pur di andare allo stadio a vedere una partita di Coppa Italia

Massimo Vitti, tifosissimo del Bari, non ha voluto rinunciare alla trasferta di Parma nonostante fosse già in programma la sua proclamazione a dottore in Economia Aziendale. Si è fermato in una stazione di servizio per collegarsi con l'università in videochiamata: alla fine il voto di laurea è stato di 82 su 110 mentre il Bari ha perso ed è stato eliminato dal torneo.