L’esperimento – Giornata lavorativa di 6 ore invece che 8: così si aumenta produttività e benessere

giornata lavorativa

Giornata lavorativa di 6 ore invece che 8, e con la stessa paga: così si aumentano produttività e benessere degli  impiegati – Lavorare meno per lavorare meglio: questa la filosofia che sta dietro l’esperimento tentato dall’amministrazione comunale di Göteborg, in Svezia.

Un esperimento avviato nel tentativo di abbattere le assenze dovute a malattia e stanchezza: così, un gruppetto di dipendenti del Comune di Göteborg vedrà la propria giornata lavorativa ridotta a 6 ore (30 ore settimanali) ma continueranno a percepire la stessa paga dei loro colleghi che proseguiranno con le canoniche 8 ore (40 settimanali). A fine anno, se la produttività del primo gruppo sarà stata maggiore, il test verrà esteso a tutti i dipendenti comunali.

“Speriamo che così diminuiscano i giorni di assenza dal lavoro per malattia e che psicologicamente e fisicamente gli impiegati si sentano meglio”. Spiega al quotidiano locale The Local il vicesindaco Mats Pilhem. Un’inziativa che, in Svezia, era già stato tentato con buoni risultati da alcune aziende automobilistiche senza poi trovare un’applicazione definitiva.

Contenti i dipendenti pubblici svedesi, meno l’opposizione politica schierata contro il partito del sindaco di Göteborg che ha definito l’iniziativa “disonesta e populista”, dal momento che le elezioni sindacali sono dietro le porte. Tuttavia, come spiega ancora Pilhem, il progetto nasce da lontano e non sarebbe un semplice espediente per guadagnare consensi.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Test di medicina annullati? Il MIUR chiarisce: "La correzione va avanti"

Next Article

Nasce a Napoli IGoOn, il primo autostop digitale

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.