Maturità, la modifica del punteggio soddisfa i presidi: “Ministero va incontro alle richieste degli studenti. Gli scritti peseranno di meno”

Gli studenti l’hanno già definito un “contentino” assolutamente non sufficiente, ma i presidi sembrano approvare la modifica del punteggio della maturità annunciata ieri dal Ministero dell’Istruzione. Cristina Costarelli (Anp): “Noi volevamo abolizione della seconda prova ma questa novità fa pesare meno il valore dello scritto deciso dalle singole scuole”.

Avrebbero preferito un solo scritto deciso a livello nazionale e niente seconda prova ma la mediazione trovata dal Ministero dell’Istruzioni con l’introduzione di un punteggio differenziato per le prove della maturità sembra soddisfare i presidi.

“La modifica del punteggio è però un punto a favore delle richieste degli studenti – ha dichiarato la presidente dei presidi del Lazio, Cristina Costarelli – aumenta il credito scolastico rispetto ai risultati di terzo, quarto e quinto anno e scende a 15 punti il valore delle prove scritte. Quindi in qualche modo gli si da meno peso. Possiamo leggere questa decisione come un venire incontro alle richieste dei ragazzi”.

“La nostra posizione generale sulla maturità è quella che sosteniamo dall’inizio come Associazione
nazionale presidi
– aggiunge ancora l’esponente dell’Anp – la seconda prova quest’anno poteva ancora essere messa da parte ed evitata nell’ottica di un riavvicinamento graduale alla normalità. Un solo scritto nazionale poteva essere una buona via di mezzo. Riaffermiamo che con la seconda prova scritta non si garantisce agli studenti la stessa difficoltà, perché ogni scuola può calibrarla in modo diverso; e rileviamo che essendo preparata dai docenti non sarà difficile come una prova nazionale. Dunque, se ne poteva fare a meno”.

Sulla stessa lunghezza d’onda per quanto riguarda la maturità gli studenti che da stamattina stanno manifestando in diverse città italiane contro le novità introdotte dal Ministero sulla maturità 2022. Per loro la modifica del punteggio è soltanto un “contentino”.

LEGGI ANCHE:

Total
5
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Verona, spray al peperoncino in classe: 13 intossicati, uno è grave

Next Article

Milano, corteo di studenti contro maturità e alternanza: "La scuola non può uccidere"

Related Posts
Leggi di più

Ue, quattro scuole italiane vincono il premio per l’insegnamento innovativo

Annunciati i vincitori dell'edizione 2022 del Premio europeo per l'insegnamento innovativo EITA- European Innovative Teaching Award: sono l'Istituto tecnico agrario “A. Trentin” di Lonigo (Vicenza), la scuola secondaria Statale di Primo Grado "G.Bianco- G. Pascoli" di Fasano (Brindisi), l'Istituto comprensivo "D'Azeglio-Nievo" di Torino e "Ettore Guatelli" a Collecchio (Parma). Il 25 ottobre la consegna dei premi a Bruxelles.