Verona, spray al peperoncino in classe: 13 intossicati, uno è grave

L’emergenza è scattata presso la scuola di estetica e acconciatura Luniklef. Non è ancora chiara la dinamica. Sei i mezzi di soccorso intervenuti e tredici le persone coinvolte

Spray al peperoncino usato in una scuola di Verona, l’istituto di estetica e acconciatura Luniklef ha portato all’ospedale 13 persone di cui una in gravi condizioni. La sostanza sarebbe stata liberata in un’aula dell’istituto, tanto da provocare malesseri per circa venti persone. Intorno alle 9 alcuni alunni hanno cominciato ad avvertire i primi problemi. Sei i mezzi intervenuti, tra cui l’Ambulanza infermierizzata e l’auto medica.

Le persone coinvolte sono per ora tredici, di cui dieci trasportate in codice verde, due in giallo e una in rosso presso gli ospedali di Borgo Roma, Borgo Trento e Negrar. Sul posto anche la polizia per accertare la causa dell’incidente nell’istituto di Lungadige Capuleti. I Vigili del Fuoco di Verona sono intervenuti con quattro automezzi con dieci unità e personale specializzato.

La scuola è stata evacuata. Dopodiché i Vigili del Fuoco scaligeri hanno verificato che non si trattasse di qualcosa di più grave che la liberazione dello spray. Rientrato l’allarme, gli alunni non coinvolti, sono rientrati nelle proprie classi. Nel frattempo proseguivano le operazioni di assistenza a coloro che sono venuti a contatto con la sostanza irritante. Sei i mezzi intervenuti, tra cui l’Ambulanza infermierizzata e l’auto medica.

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università di Torino, prima in Italia a certificare i saperi dei lavoratori

Next Article

Maturità, la modifica del punteggio soddisfa i presidi: "Ministero va incontro alle richieste degli studenti. Gli scritti peseranno di meno"

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".