L’Università di Foggia concede il sigillo a Maria Falcone

Maria Falcone

Il Senato Accademico dell’Università degli Studi di Foggia ha deliberato, su proposta del neo Rettore Maurizio Ricci, di concedere il sigillo dell’Ateneo alla prof.ssa Maria Falcone, sorella del giudice Giovanni, ucciso a Palermo il 23 maggio 1992, e Presidente della Fondazione Falcone.

La consegna avverrà in occasione dell’evento “Giovanni Falcone: tra passato e attualità” promosso dall’Associazione Studentesca “Area Nuova” e patrocinato dall’Università di Foggia.

L’evento si svolgerà giovedì 5 dicembre 2013, alle ore 10.00, nell’Aula Magna di Ateneo.

Finalità dell’evento, alla quale prenderanno parte oltre alla comunità accademica anche rappresentanze degli ultimi anni degli Istituti Superiori di Foggia e della provincia è quella di focalizzare l’attenzione sull’importanza del rispetto delle regole tra le nuove generazioni attraverso il ricordo di personaggi che hanno sacrificato la loro vita per portare avanti i valori della giustizia, della lealtà e del servizio dello Stato anche in tempi non molto remoti.

La magistratura e le forze dell’ordine non possono fare tutto da soli, si legge sul sito d’Ateneo, c’è bisogno di una grande squadra dello Stato che, partendo dalla società civile, promuova spunti di riflessione per risvegliare le coscienze affinché tutti possano decidere da che parte stare: oggi, essere neutrali, omertosi, significa stare con la criminalità.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Droga e prostituzione a Milano: studentesse universitarie si offrivano per pagarsi l'affitto

Next Article

Roma: martedì 3 dicembre sciopero dei mezzi Atac e Tpl

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".