Droga e prostituzione a Milano: studentesse universitarie si offrivano per pagarsi l’affitto

studentesse universitarie

“Italiana da 8… appena entrata nel mercato! 21 anni, mora, un gioiellino. Regalo: 400 euro”. Una nuova inchiesta sul droga e prostituzione sta scuotendo la vita notturna di Milano. Le indagini, iniziate dal pm Frank Di Maio (deceduto ndr), hanno portato al processo per 16 indagati con l’accusa di spaccio e favoreggiamento della prostituzione.

Studentesse, calciatori, principi arabi: non manca nessuno nei festini notturni dei locali di Milano (tutti comunque estranei al momento all’inchiesta). Un mercato che portava le ragazze a guadagnare fino a 1.000 euro a notte, senza contare gli incassi da capogiro dei locali.

Stefania, 28 anni, inizia “come ragazza immagine al The Club e al Gioia 69” per 120 euro a sera. “Dopo fui io a chiedere se potevo prostituirmi ai tavoli, perché avevo bisogno di soldi”. Stefania partecipa a festini in case private e racconta scene abituali per il caso. “Prima di appartarmi con un ragazzo, ho visto un uomo che preparava la droga su un piatto. Ho l’immagine di mia sorella con la sigaretta cosparsa di cocaina e un altro appoggiato al divano che tirava di coca”.

Stefania racconta anche come funziona il sistema negli alberghi (anche loro estranei all’inchiesta). “Mi servo di alberghi come il Principe di Savoia, il Four Season, il Jolly Hotel di piazza Diaz e largo Augusto. Vengo pagata da 200 euro in su, ma anche fino a 5.000 euro. I miei clienti sono italiani. E anche qualche arabo. Mi è capitato di essermi messa d’accordo con il portiere del Jolly, mi ha chiamato varie volte”.

 Jessica, 19 anni, racconta come funziona il mestiere della squillo. “Vado a casa del cliente e ricevo da 300 a 1.000 euro. Me li procuro nelle discoteche o dopo le serate in cui faccio lap dance, normalmente al The Club, all’Old Fashion, in un ristorante di largo La Foppa. Entriamo gratis e ci sediamo al bar del privè dove si avvicinano gli uomini “. Racconta come “questi luoghi sono frequentati da molte prostitute che recuperano clienti ritenuti selezionati, perché frequentano locali alla moda”.

Jessica parla anche di A. P., considerato il “procacciatore di ragazze immagine e prostitute, nonché acquirente di droga per il suo ambiente”. Secondo la Procura gestisce 30 ragazze. “Io indico a lui il prezzo, lui trova il cliente, lo contatta e me lo fa conoscere. Ricevo i soldi direttamente dal cliente prima della prestazione”.

Ma c’è anche la studentessa che si prostituisce per pagarsi l’affitto. Ha 27 anni e frequenta l’Accademia di Brera. Mette a verbale che “dovendomi mantenere agli studi, sono stata costretta a prostituirmi per 200 euro”. Lei incontra A.P. in discoteca. “Mi propose di lavorare con ragazze di varia nazionalità, come ragazza immagine ai tavoli per 70 euro a serata più la percentuale sulle bottiglie. I locali erano The Club, Gioia 69, The Beach, La Capanna dello zio Tom, ma lì non ci sono andata. È stato A.P. a indicarmi la persona con cui andare. Fu il cliente a fissare il prezzo, 300 euro, quanto mi mancava per pagare l’affitto”.

L’organizzazione cercava poi di piazzare le ragazze vicino ai calciatori nei vari locali. “Devo mandare 12 ragazze allo Shocking, ci sono due nuove che hanno iniziato a lavorare  –  dice al telefono un pr. Una faceva la paperetta a Paperissima. Stasera ci sarà un tavolo di giocatori della Juve”.

Il giro di prostituzione arriva a coinvolgere il principe Gheddafi. Nel gennaio 2008, l’organizzazione, infatti, manda le squillo al Principe di Savoia da Mutassin Gheddafi, figlio del Rais ucciso nella rivolta libica. “Hanno bevuto champagne, 20 bottiglie di Kristal, poi sono finiti nella vasca idromassaggio”.

Total
0
Shares
1 comment
  1. “Hanno bevuto champagne, 20 bottiglie di kristal e poi sono finiti nella vasca idro…” Hahahaha….dopo 20 bottiglie, anche fossero stati in 5 o 6 (che farebbero comunque + di 3 bottiglie a testa cioé oltre 2 litri e mezzo di vino a testa), finiscono nella vasca idro e rantolando annegano.
    Ad ogni modo fanno ridere questi articoletti, anche datati, che cercano di fare scandalo su cose arcinote, stranote e in fine NORMALI: in Italia la prostituzione é legale ma assurdamente non regolamentata…in pratica per far finta che non ci sia si lascia esistere un Faw West delirante senza alcun controllo medico, alcuna tassazione, alcuna sicurezza di sorta (é capitato ad esempio a persone di venire attirate da annucni online in un appartamento, accolte sulla porta da una ragazza seminuda e poi dentro “accolti” da 4 Albanesi che li hanno pestati e derubati di tutto tranne i vestiti, auto compresa portata via prima di “rilasciare” il malcapitato a cui, avendo i documenti con indirizzo etc. é fin troppo facile far passare la voglia di denuncia – anche perché spesso la moglie/fidanzata é a casa ignara).
    Insomma un paese delirante che si spera prima o poi diventi CIVILE come la Germania, al Svizzera, l’Olanda, l’Austria…persino la cattolicissima Spagna…e apra finalmente i bordelli legali, regolamentati e palesi come ci sono in quei paesi.
    Il primo passo sarebbe piantarla di scrivere certi articoletti provincialotti.

Lascia un commento
Previous Article

L'ascensore c'è, ma la ditta non vuole collaudarlo. Bambina in carrozzina costretta a rimanere in classe durante la ricreazione

Next Article

L'Università di Foggia concede il sigillo a Maria Falcone

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.