Roma: martedì 3 dicembre sciopero dei mezzi Atac e Tpl

martedì 3 dicembre sciopero mezzi roma

Martedì 3 dicembre sciopero dei mezzi a Roma – Due differenti mobilitazioni sono state indette per martedì 3 dicembre a Roma: da una parte i dipendenti della rete Atac iscritti al sindacato Sul, dall’altra i lavoratori della Tpl (ente che gestisce le oltre 80 linee periferiche della capitale oltre ai bus notturni) aderenti al sindacato Cisl. Stop annunciati su linee di bus, metropolitana, tram, filobus ed anche sulla tratta ferroviaria Roma-Lido, Roma-Giardinetti e Roma-Nord.

Per quanto riguarda gli operatori Atac, le uniche fasce di servizio garantito vanno da inizio servizio alle 8.30 e dalle 17 alle 20. Gli addetti della Tpl, invece, incroceranno le braccia dalle 6.30 del mattino fino alle 16.30. I sindacati hanno invitato tutti gli addetti delle società a partecipare allo sciopero che, quindi, coinvolgerà sia gli autisti dei mezzi che gli altri operatori come tecnici, addetti alle biglietterie, operai, impiegati e operatori di stazione.

Probabili i disagi per tutti coloro che dovranno spostarsi in città utilizzando la rete pubblica.

Di seguito le linee gestite da Tpl: 

022, 023, 024, 025, 027, 028, 030, 031, 032, 033,035, 036, 037, 039, 040, 041, 044, 048, 050, 051, 053, 056, 057, 059, 077, 078, 086,088, 135, 146, 213, 218, 220, 222, 232, 235, 308, 314, 343, 344, 404, 437, 444, 447,449, 502, 503, 511, 543, 546, 552, 554, 557, 657, 663, 701, 702, 720, 721, 763, 764,767, 768, 771, 775, 777, 778, 787, 808, 881, 889, 892, 907, 912, 982, 983, 984, 985,992, 997, 998, 039F, 040F, 041F, 088F, 308P, 552F, 554F, 701L, 997F, 998F, 998L,C1, C6, C8

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Università di Foggia concede il sigillo a Maria Falcone

Next Article

Stop alla vivisezione: la Commissione Europea finanzia gli enti che usano metodi innovativi

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident