Stop alla vivisezione: la Commissione Europea finanzia gli enti che usano metodi innovativi

stop alla vivisezione

Stop alla vivisezione – La Commissione Europea ha approvato il piano settennale per la ricerca Horizon 2020. Al suo interno anche un incentivo per i laboratori che faranno ricerca in maniera innovativa ovvero senza utilizzare le cavie animali.

Un fondo di oltre 70 miliardi di euro per tutti quei soggetti, enti pubblici o privati, che decideranno di testare i propri prodotti su riproduzioni robotiche invece che sui consueti topi e criceti da laboratorio.

Un passaggio che negli Stati Uniti è avvenuto da tempo: basti pensare che il governo americano rappresenta il maggiore azionista del National Institute of Health’s automated robot-technicians, il laboratorio robotico più avanzato al mondo, del valore di 50 milioni di euro, che utilizza riproduzione robotiche per testare sostanze chimiche al ritmo di centinaia a settimana invece degli anni che ci vorrebbero con i test sugli animali.

“Horizon 2020 costituisce l’opportunità finanziaria degli Stati europei per utilizzare e sviluppare le tecnologie più avanzate già presenti in Usa e altri paesi – sottolinea Gaia Angelini di Humane Society International – che permettono oggi di testare sostanze chimiche, fare ricerca farmacologica e medica ricorrendo alle scienze del 21emo secolo che non utilizzano animali”.

Una misura che viene incontro anche all’opinione pubblica: recentemente, infatti, ha raggiunto il milione di firme la proposta di legge popolare europea Stop vivisection, che chiede alla Commissione europea l’abrogazione della direttiva 2010/63/UE con la presentazione di una nuova proposta di direttiva che sia finalizzata al definitivo superamento della sperimentazione animale e che renda obbligatorio per la ricerca biomedica e tossicologica l’utilizzo di dati specifici per la specie umana in luogo dei dati ottenuti su animali.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma: martedì 3 dicembre sciopero dei mezzi Atac e Tpl

Next Article

Roma: il 62 % degli studenti universitari è irregolare

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".