Roma: il 62 % degli studenti universitari è irregolare

roma studenti

Il 62% degli studenti universitari è irregolare a Roma: si dichiaravano finti poveri per ottenere benefici e sovvenzioni, pagare meno tasse o passare avanti nelle graduatorie. La Guardia di Finanza li ha scoperti in seguito a controlli sulle autocertificazioni, che hanno evidenziato irregolarità per oltre la metà delle dichiarazioni sul reddito presentate.

Ma nel mirino ci sono migliaia di posizioni sospette. Proseguono, infatti a 360 gradi i controlli delle Fiamme Gialle, dopo la firma, a settembre, del patto antievasione con Regione Lazio, Roma Capitale e le Università La Sapienza, Tor Vergata, Roma Tre e in collaborazione con la direzione regionale Agenzia delle entrate del Lazio.

Il ritratto che emerge dall’analisi dei dati è significativo: l’83,7% dei 196mila studenti iscritti risulta aver presentato la dichiarazione Isee, di questi circa il 16% è stato inserito nelle prime tre fasce (quelle di minor reddito) dell’Università La Sapienza, il 27% è stato collocato nelle prime tre fasce delle Università Tor Vergata e Roma Tre.

Le maggiori richieste di sovvenzioni riguardano borse di studio, posti letto o contributi integrativi. La percentuale aumenta, 90%, se si circoscrive l’analisi ai soli studenti stranieri, circa 7.000, il 15% dei quali risulta aver autocertificato redditi inferiori a 1.000 euro. Specifiche richieste di mutua assistenza finalizzate a riscontrare la veridicità di quanto dichiarato, sono state inoltrate alle competenti amministrazioni dei Paesi di origine.

Nel 2012, a fronte di 848 controlli, 521 sono risultati irregolari. Nel 2013 – come scrive TMNews – la percentuale dei controlli irregolari si attesta sul 62% delle posizioni verificate. Ecco allora spuntare casi come la studentessa, con padre proprietario di una Ferrari e di immobili di valore, che ha autocertificato un reddito annuo di 19mila euro o la studentessa di Roma Tre che si è dimenticata di dichiarare redditi per oltre 70mila euro. Ed ancora, la studentessa “smemorata” di Tor Vergata che ha dichiarato redditi per 14.313 euro scordandosi di possedere un patrimonio di oltre 600mila euro.

Col “Patto antifurbetti”, Regione Lazio, le Università La Sapienza, Tor Vergata, Roma Tre e Guardia Di Finanza di Roma fanno rete, collegano energie, professionalità, informazioni e banche dati in un comune impegno per “perseguire più efficacemente obiettivi di equità sociale, assicurando una giusta redistribuzione di risorse pubbliche, tutelando le reali fasce deboli”.

“Oltre a semplificare e rendere più efficaci i controlli, il Patto – spiega la Guardia di Finanza – ha lo scopo di evitare che passi avanti in graduatoria o paghi rette inferiori chi povero non è, a fronte dei tanti giovani realmente bisognosi di un sostegno economico che li aiuti ad iniziare ed affrontare il loro percorso universitario”. I controlli, concentrati sulle posizioni anomale, riguardano l’effettiva situazione reddituale e patrimoniale del nucleo familiare di ciascun studente selezionato.

Chi sarà scoperto dovrà restituire i benefici indebitamente incamerati (borse di studio, esenzioni universitarie, alloggi, buoni pasto, agevolazioni nei trasporti, ect.) e, se ne ricorrono i presupposti, verrà denunciato all’autorità giudiziaria.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stop alla vivisezione: la Commissione Europea finanzia gli enti che usano metodi innovativi

Next Article

Altro che Masterpiece: in Perù gli aspiranti scrittori si sfidano sul ring

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".