Altro che Masterpiece: in Perù gli aspiranti scrittori si sfidano sul ring

masterpiece lucha libro

Un altro talent show per aspiranti scrittori? Non esattamente. Mentre in Italia il nuovo format Masterpiece esordisce tra polemiche e curiosità, in Perù prende piede il primo campionato di improvvisazione letteraria: “Lucha Libro”.

Come per il nostrano Masterpiece, il vincitore di Lucha Libro avrà in premio la pubblicazione di un libro con una casa editrice. Un po’ diverse, però le modalità di selezione: niente giurati vip e telecamere, in Perù gli aspiranti scrittori si coprono il volto con una maschera da wrestler, salgono su un vero ring e si sfidano a colpi di frasi poetiche.

Un arbitro consegna loro tre parole a caso, i contendenti si appostano nei loro angoli, armati di computer e hanno cinque minuti di tempo per comporre un racconto. Il pubblico stipato attorno al ring può seguire la composizione letteraria in diretta, con tanto di errori, cancellature e attimi di incertezza. Alla fine tre giudici decretano il vincitore che passa all’incontro successivo.

Un’iniziativa nata per avvicinare i giovani alla lettura e alla letteratura: “Puoi venire a una serata di lucha libro anche solo per divertirti e bere in compagnia – dice Cristopher Vasquez, uno degli ideatori del campionato – ma alla fine rimani affascinato dal processo di scrittura e capisci di essere circondato da persone che si divertono a leggere libri e a scriverli, e la letteratura diventa un’esperienza intrigante”.

“Indossare la maschera per scrivere è anche una forma di democrazia, nessuno sa chi sei e da dove vieni – racconta uno dei partecipanti – e ti dà anche un senso di sicurezza, ti protegge dagli altri e da quello che sei, permettendoti di scrivere più liberamente”.

A questo link il sito ufficiale di Lucha libro.

Qui sotto alcune delle pittoresche immagini che reclamizzano il contest

masterpiece lucha libro

 

masterpiece ichitos

 

masterpiece sfidanti

 

masterpiece macchina

 

masterpiece capoccia

 

masterpiece lucha libro locandina

Davide Iannotta

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma: il 62 % degli studenti universitari è irregolare

Next Article

Atenei del Sud: lezioni sospese. "Aspettiamo risposte dal ministro Carrozza"

Related Posts
Leggi di più

Si laurea in autogrill pur di andare allo stadio a vedere una partita di Coppa Italia

Massimo Vitti, tifosissimo del Bari, non ha voluto rinunciare alla trasferta di Parma nonostante fosse già in programma la sua proclamazione a dottore in Economia Aziendale. Si è fermato in una stazione di servizio per collegarsi con l'università in videochiamata: alla fine il voto di laurea è stato di 82 su 110 mentre il Bari ha perso ed è stato eliminato dal torneo.