In dieci anni +69% di iscritti: il sistema AFAM italiano è in continua crescita

Dinamico, internazionale, e in continua crescita. È la sintesi della fotografia del sistema italiano dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica (AFAM) scattata nel Focus del settore dal Servizio Statistico del ministero dell’Università e della Ricerca sulla base dei dati aggiornati all’anno accademico 2020-2021.

Gli studenti iscritti nelle 159 istituzioni del sistema AFAM lo scorso anno sono stati 80.671, ai quali si aggiungono 15.640 studenti nei corsi pre-Afam degli Istituti Superiori di Studi Musicali non statali e dell’Accademia di Danza. Il 37% degli studenti è iscritto agli Istituti dell’area musicale e coreutica e nel 63% dei casi sulle strutture dell’area artistica e teatrale.
Guardando alla differenza di genere, la presenza femminile tra gli iscritti dell’intero settore AFAM si attesta in media al 57%, con un picco che raggiunge l’87% nell’area coreutica. Solo in corrispondenza dell’area musicale la maggioranza degli iscritti (il 60%) sono ragazzi.

L’andamento delle iscrizioni nell’intero comparto è cresciuto costantemente: rispetto all’anno accademico 2011-2012, le immatricolazioni dello scorso anno sono aumentate del 69%, mentre a livello complessivo l’incremento medio annuo nei corsi di I e II livello è stato di circa il 9%.
Anche nel periodo della pandemia, rispetto all’anno accademico 2019-2020, il numero di immatricolati complessivi nei corsi accademici di I livello e nei corsi a ciclo unico ha registrato un aumento del 4%.

A fronte di una tendenza nettamente crescente dell’ultimo decennio, un calo lo si è registrato, dato il contesto complessivo, nel numero degli iscritti stranieri (-2,6% rispetto all’anno precedente) che superano, comunque, il 15% del totale.

«Questi dati dimostrano come il sistema italiano dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica possa essere ancora più valorizzato» sottolinea il ministro dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa. «Le azioni del Governo insieme al Parlamento continueranno per rendere questo settore ancora più attrattivo e prestigioso a livello internazionale».

A questo link è disponibile il Focus completo
http://ustat.miur.it/notizie/2021/focus-il-sistema-afam-aa-2020-2021/

Leggi anche:

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bofrost dona a Telethon 250.000 euro per la ricerca sulle malattie genetiche rare

Next Article

Giovani e porno: si inzia dalla scuola media. "Uno studente su 5 ha visto i primi contenuti hard tra gli 11 e i 13 anni"

Related Posts
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.