Il laureato che vorrei assumere: appuntamento al Suor Orsola

Colloquio-di-lavoro

 

Al Suor Orsola un confronto tra imprenditori, laureati eccellenti, studenti universitari e studenti delle scuole secondarie superiori per analizzare le richieste del mercato del lavoro sul “laureato ideale”. Maturandi e laureandi “intervisteranno”manager, imprenditori, professionisti e “laureati eccellenti”per orientare le proprie scelte universitarie

 

 

“Il laureato che vorrei assumere”. È questo il titolo quanto mai significativo dell’iniziativa lanciata dall’Università Suor Orsola Benincasa per garantire, in un momento di crisi occupazionale così forte soprattutto nel Mezzogiorno, un confronto costruttivo tra il mondo della formazione (studenti delle scuole secondarie superiori con i loro docenti e studenti e docenti universitari) e il mondo del mondo del lavoro (manager, imprenditori, professionisti e giovani “laureati eccellenti” che già occupano posizioni di rilievo).

Un incontro che si svolgerà martedì 25 Marzo a partire dalle ore 10 nella Sala degli Angeli dell’Ateneo ed al quale prenderanno parte alcuni tra i giovani laureati “eccellenti” del Suor Orsola, che oggi occupano posizioni lavorative consolidate e di prestigio, e alcuni tra i rappresentanti più autorevoli del mondo delle imprese e delle professioni a livello nazionale.

Ci saranno tra gli altri il presidente dell’Ordine dei Notai di Napoli, Antonio Areniello, il fondatore diFace4Job, Alessio Romeo ed il musicologo Laura Valente, grande esperto di management culturale. A loro spetterà il compito di tracciare l’identikit del laureato ideale che cerca il mercato.

“Al Suor Orsola – spiega Lucilla Gatt, responsabile dell’Ufficio di Job Placement dell’Ateneo – abbiamo deciso di coinvolgere nel processo di valutazione dell’efficacia del percorso formativo proprio coloro che poi dovranno selezionare i laureati, perché conoscere le caratteristiche richieste dalle imprese (e non solo) per il “laureato ideale”, è l’unico modo per avviare una formazione spendibile proficuamente sul mercato del lavoro”.

Proprio per questo saranno protagonisti dell’incontro anche agli studenti delle scuole secondarie superiori affinché l’analisi dei profili professionali più richiesti sul mercato del lavoro e il confronto con imprenditori e professionisti di alto livello possa risultare un utile strumento di orientamento nella scelta del corso di laurea.

“L’attuale momento di gravissima crisi economica e di disoccupazione giovanile galoppante -spiega Paola Villani, responsabile del Servizio di Orientamento dell’Università Suor Orsola Benincasa -sta provocando un forte scoramento e un profondo disorientamento soprattutto nei diciottenni che si accingono alla scelta del percorso di studi universitari ed è proprio per orientare in maniera più consapevole questa scelta guardando già da subito alle prospettive occupazionali che al Suor Orsola abbiamo pensato a questa grande novità di affidare una giornata di orientamento proprio ai rappresentanti più autorevoli del mondo del lavoro e delle professioni e soprattutto ai giovani “laureati eccellenti” che sono riusciti già ad affermarsi e che potranno spiegare concretamente come è avvenuto il loro passaggio dagli studi universitari al mondo del lavoro”.

Dopo il dibattito con gli imprenditori il Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa, Lucio d’Alessandro premierà sei laureati eccellenti (due per ogni Facoltà) del Suor Orsola che negli ultimi anni hanno consolidato posizioni professionali di successo: da chi già detiene ruoli di primo piano in importanti aziende a chi ha ideato start up innovative, fino ai vincitori di alcuni dei più importanti concorsi pubblici come quelli per la magistratura e il notariato.

Momento conclusivo della giornata sarà la premiazione del social contest “La cittadella di Suor Orsola” un concorso fotografico lanciato durante l’Open Week 2014 per immortalare i luoghi più belli del campus universitario di Suor Orsola ospitato nell’antica cittadella monastica seicentesca che proprio in queste settimane è sotto osservazione UNESCO per il riconoscimento di “Patrimonio dell’Umanità” come paesaggio e patrimonio culturale che conserva un ruolo sociale attivo nella società contemporanea.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

PALERMO -Esami venduti all'Università: chiesti 10 anni di reclusione per la segretaria

Next Article

I NUMERI - Se cala l'interesse per Medicina

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".