I NUMERI – Se cala l’interesse per Medicina

medicina

Uno su sette ce la fa. Eppure il fascino del camice bianco sembra svanire nell’ultimo anno. Facciamo due calcoli: gli iscritti al test dell’8 aprile, quello che selezionerà chi potrà avere accesso alle Facoltà di Medicina e Chirurgia ed a Professioni Sanitarie, sono 69.000: l’anno scorso erano 85.000.

In un anno, quindi, si è registrato un calo del 17 % degli iscritti ai test di Medicina, con una perdita di 16.000 unità. Bisognerà aspettare comunque il giorno delle prove per capire se il calo è reale o meno: l’anno scorso, infatti, si presentarono alla prova 15.000 candidati in meno rispetto a quelli registrati sul portale apposito del MIUR. I posti messi a bando per Medicina-chirugia e Odontoiatria dal Miur per l’anno accademico 2014-2015 sono 10.551: la selezione, quindi, avverrà con un rapporto di 1 a 7.

C’è ancora da chiarire, poi, la questione Bonus Maturità, che l’anno scorso aveva tanto fatto parlare studenti e commissioni. Per quest’anno va sottolineato che non sarà preso in considerazione il voto di maturità, quindi per il momento il Bonus sembra essere stato messo da parte dal ministro Giannini.

All’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma i test si sono già svolti, con una partecipazione di 7.500 candidati, in media il 10% in meno rispetto allo scorso anno. E’ ipotizzabile, comunque, che a pesare sul calo sia proprio la decisione di anticipare i test da settembre ad aprile: molti studenti confermano che è impossibile unire lo studio per la maturità imminente con la preparazione ai test, che rappresentano un momento chiave per il futuro di ogni ragazzo che ha intenzione di proseguire gli studi.

I risultati dei test saranno pubblicati il 22 aprile per Medicina-chirurgia e odontoiatria, il 23 aprile per veterinaria. Le graduatorie di merito nazionali saranno pubblicate il 12 maggio e si chiuderanno il 1 ottobre. Il test sarà identico per tutti i candidati.

Le domande, come lo scorso anno, sono sempre 60. Le novità riguardano i contenuti: alcune materie come cultura generale e logica passano da 30 a 27 punti; Biologia da 14 a 15: Chimica da 8 a 10: Matematica rimane, invece, uguale. Insomma, si punterà più sulle materie scientifiche per quest’anno. Ma le discussioni sulle domande, quelle, di sicuro non mancheranno.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il laureato che vorrei assumere: appuntamento al Suor Orsola

Next Article

Vendola attacca: "Le Università del Sud sono state umiliate. Meritano rispetto"

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.