Genova, baby rapinatori riconsegnano la refurtiva: “Non è firmata”

una foto di bulli

“Riprenditi questa roba, non ci interessa”. Ladri gentiluomini, o meglio pragmatici. E’ successo la scorsa notte a Genova, all’uscita di una discoteca frequentata da ragazzini di buona famiglia: un 16enne accerchiato da quattro coetanei mentre rientrava a casa e obbligato a consegnare cellulare, portafogli e giubbotto.

Alla minaccia con il coltello il ragazzino non ha opposto resistenza e ha consegnato immediatamente tutto nelle mani dei baby-ladri; peccato, però, che il telefonino fosse una “vecchia baracca” (secondo la definizione di uno dei rapinatori) e il giubbotto non fosse firmato. È finita, così, con la riconsegna del cellulare e del piumino: i 15 euro nel portafogli, invece, sono stati insaccati.

Un bottino misero che non avrà di certo soddisfatto i quattro rapinatori. Il 16enne, una volta allontanatosi dai bulli, ha digitato il numero della polizia proprio con la sua “vecchia baracca”. Gli agenti hanno raccolto l’identikit e si sono messi subito alla caccia dei rapinatori.

Negli ultimi tempi sono aumentati in Liguria fenomeni simili. Solo qualche giorno fa uno studente è stato rapinato da una banda di bay-bulli su un treno, mentre altri due ragazzini sono stati derubati nei parchi di Nervi. Si cercano soprattutto cellulari di ultima generazione e abiti firmati, ma il bottino rischia di essere sempre di pochi spiccioli.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Francesco Guccini, prof per un giorno

Next Article

Giorgio Squinzi alla Luiss

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".