"Bufale in rete: come riconoscerle" il concorso nazionale per le scuole

BUFALE IN RETE: COME RICONOSCERLE! Concorso nazionale per le scuole secondarie di 1° e 2° grado
Il concorso – bandito dalla IBSA Foundation e dall’Istituto Pasteur Italia – ha l’obiettivo di far scoprire alle giovani generazioni come studiare le scienze correttamente, con un approccio curioso e divertente.
Possono partecipare gli studenti di tutte le scuole italiane secondarie di 1° grado (sezione 1) e 2° grado (sezione 2), in forma individuale o di gruppo. Non è previsto alcun vincolo al numero di proposte che ogni scuola potrà inviare.
Il concorso è finalizzato alla realizzazione di un fumetto sul tema: “Bufale in rete: come riconoscerle!” Il tema sottolinea l’importanza di saper dare ai ragazzi tutti gli strumenti necessari per navigare correttamente in rete, distinguendo i siti che offrono una rigorosa informazione scientifica da quelli che diffondono disinformazione e false verità. Il fumetto, a colori o in bianco e nero, dovrà sviluppare al massimo 6 tavole.
I fumetti dovranno essere inviati per via telematica a Carocci editore entro e non oltre il 31 gennaio 2017.
Dovranno essere inseriti: dati anagrafici dei partecipanti e, in caso di minori, di coloro che esercitano la patria potestà ai fini della liberatoria relativa alla tutela della privacy; dati della scuola di appartenenza.
I premi in palio sono:
5.000 euro offerti dalla IBSA Foundation
1 microscopio ottico da laboratorio offerto dall’Istituto Pasteur Italia.
I risultati saranno resi pubblici, sui siti www.istitutopasteur.it www.ibsafoundation.org entro il 28 febbraio 2017. Per maggiori informazioni sul concorso Bufale in rete: come riconoscerle!

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

CoModa: corso gratuito per Coordinatore Filiera Moda

Next Article

Componentistica spaziale del futuro: un nuovo bando ASI

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident