Bentornato lettore: il mercato dell'editoria, in Italia, torna a crescere

20 milioni di euro spesi in più dagli italiani per i libri. Il 30 % in più nel settore dell’editoria per ragazzi. 283.000 nuovi lettori. Insomma, bentornato, lettore. Il mercato dell’editoria in Italia, finalmente torna a crescere. Dopo anni di stagnazione siamo ad una scossa: i numeri dell’Aie (Associazione italiana Editori), certo, sono ancora piccoli e poco definiti, ma l’inversione di tendenza c’è e si vede. L’incremento generale del mercato, considerando la carta e l’ebook, si aggira intorno al 1.6%, con circa 20 milioni di euro in più spesi dagli italiani per i libri. Ma la notizia davvero straordinaria è cha a far crescere nuovamente il mercato sono proprio loro, i giovani, quelli che entrano nelle librerie e leggono su tablet e telefonini, quelli che frequentano i blog e scoprono i romanzi sulle piattaforme online.
Gli editori, dal loro canto, frequentano il mondo dei social network e i blog, dove scoprono le nuove tendenze, i gusti e le passioni dei lettori. Da sempre. Non è un caso se Mondadori, nell’anno passato, abbia sbancato con Fuori piove, dentro pure, passo a prenderti?, una versione rivisitata di Romeo e Giulietta, scritta da Antonio Dikele Distefano. Come a dire, “andiamo sul sicuro”. Innovare con la tradizione. Bentornato lettore.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, Università e Ricerca: la rassegna stampa di venerdì 29 gennaio

Next Article

Medicina, la rivolta degli studenti: "2.000 posti in meno? Il MIUR smentisca"

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".