A 56 anni molla tutto e va ad insegnare italiano in Siberia

“Ho mandato curriculum ovunque. La Siberia è stata la prima a rispondere”. Lorella Fresia, 56 anni, da 12 mesi ha lasciato la sua famiglia per andare ad insegnare inglese ed italiano dall’altra parte del mondo. La sua storia l’ha raccontata Alex Corlazzoli, questa mattina, sul sito StartupItalia.
Da Gavi a Yakutsk per passione, per mettersi alla prova come docente e come donna. Una scelta che anche i siberiani hanno fatto fatica a comprendere: “Perchè a Yakutsk?”. Non riescono a capacitarsi del fatto che un’italiana abbia deciso di trasferirsi, seppure momentaneamente, in una città così difficile, mentre molti di loro farebbero carte false per trasferirsi in Italia”, ha spiegato Lorella.
Dopo la certificazione Cambridge Celta, la professoressa ha tentato un’esperienza oltreconfine. Fino alla scelta di optare per “la soluzione più difficile”. “Se doveva esserci un cambiamento sarebbe stato estremo”, ha continuato a StartupItalia.
Ora il suo lavoro è in una scuola privata di Yakutsk, cittadina nel nord-est della Siberia, capoluogo della Sacha-Jacuzia, con il più grande porto sul fiume Lena. La città è giovane e, a sorpresa, in tanti del posto “vorrebbero venire in Italia”, continua la professoressa.
Ma com’è insegnare in Siberia? “Ogni classe ha un computer collegato ad internet. Le scuole pubbliche – spiega – sono messe peggio”. Gli abitanti, comunque, conoscono le canzoni di Celentano e Pavarotti, oltre alle città Roma, Venezia e – a sorpresa – Rimini. Una vita non facile quella in una città che ha temperature che arrivano anche a 54 gradi sotto zero. Come a dire: per spostarsi qui serve una volontà di ferro. E una passione, immensa, per l’insegnamento.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Rilanciare l'Università per rilanciare il Paese": il 21 marzo manifestazione alla Sapienza

Next Article

Università, la rivincita delle materie umanistiche: aumentano, finalmente, gli iscritti

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".