Università, la rivincita delle materie umanistiche: aumentano, finalmente, gli iscritti

Le matricole italiane sono sempre più ingegneri. Sono 271.000 gli studenti che hanno deciso di iscriversi all’università nell’anno accademico 2015-16. Perlopiù donne (55 % contro 45 %), con ottimi voti alla maturità.

Sono questi i dati emersi dall’ultimo rapporto diffuso dal Ministero dell’Istruzione, che conferma una crescita imponente delle materie scientifiche: tra le scelte dei ragazzi, infatti, predomina Ingegneria, contro il calo di Giurisprudenza e Architettura. Scende anche Medicina. Tengono, invece, le materie umanistiche con Lettere, Lingue e Scienze dell’educazione.

Guidate da Ingegneria, materie come Agraria e Chimica, sono state scelte dal 36,3% degli studenti, lo scorso anno furono il 34,6%. Successo anche per Geo-biologia: 14,6% contro li 14,1 del 2015. Cala invece Architettura che sembra non avere più l’attrattività di un tempo: nello specifico gli iscritti sono solo il 3,3% contro il 3,7% dello scorso anno.

In calo, invece, tutta l’area sanitaria che passa dal 12% del 2015 al 10,8%. In particolare scendono gli immatricolati a Medicina, dal 9,1% al 7,5 %, forse spaventati dalla difficoltà del test di ammissione e dalla lunghezza del corso di studi. In calo anche gli aspiranti avvocati con meno iscritti: 7,6% contro l’8,1 % del 2015.

Resistono, infine, gli iscritti alle materie dell‘area umanistica, nonostante le profonde incertezze lavorative e le difficoltà di inserimento nel mondo del lavoro: dal 19,2% del 2015 al 19% del 2016. Lingue, Lettere, Filosofia restano comunque facoltà al femminile: le ha scelte il 27% delle ragazze proprio come lo scorso anno, contro il 9,1 dei maschi, invece in leggero calo (9,3%).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A 56 anni molla tutto e va ad insegnare italiano in Siberia

Next Article

Scuola, arrivano 28 mln di euro per i "laboratori creativi". Ecco come partecipare al bando

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"