15 minuti di celebrità? Per gli scienziati la vera fama non è fugace

Schermata 03-2456380 alle 12.11.59

Altro che 15 minuti di celebrita’: la vera fama non e’ fugace. Lo assicura un team di ricercatori della McGill University guidato da Eran Shor, e della Stony Brook University diretto da Arnout van de Rijt, in un nuovo studio che appare nel numero di aprile dell’American Sociological Review. Una conclusione che arriva dallo studio dei nomi di personalita’ menzionate da centinaia di giornali in lingua inglese nell’arco di diversi decenni.

Quello che hanno scoperto gli scienziati e’ che, contrariamente alla credenza popolare, le persone che diventano veramente famose restano tali per decenni. E questo accade in qualsiasi campo: dallo sport al cinema, dalla politica alla musica. Non solo: la regola vale anche per lo spettacolo, un settore all’apparenza piu’ effimero.

Ad esempio, in un campione casuale di 100.000 nomi apparsi sulle pagine degli spettacoli di oltre 2.000 giornali tra il 2004-2009, i 10 nomi piu’ frequenti erano quelli di Jamie Foxx, Bill Murray, Natalie Portman, Tommy Lee Jones, Naomi Watts, Howard Hughes, Phil Spector, John Malkovich, Adrien Brody e Steve Buscemi. Tutti sono stati celebrati per almeno un decennio, e oggi sono ancora alla ribalta.

La scoperta che la vera fama non e’ fugace contraddice la maggior parte della ricerca scientifica condotta fino ad ora, rileva Shor. “Quello che abbiamo dimostrato e’ davvero rivoluzionario, cioe’ che le persone che io e te consideriamo famose, dunque persino Kim Kardashian, restano tali per un lungo periodo di tempo”, spiega ancora. Insomma, anche se questi personaggi non hanno certo salvato il mondo o sconfitto una malattia, la loro non e’ una fama passeggera.

Infatti, il turnover annuo del gruppo di nomi famosi e’ molto basso. Il 96% dei nomi citati oltre 100 volte sui giornali in un determinato anno erano gia’ sulla stampa almeno tre anni prima. Dunque talento, risorse o fortuna possono spingere qualcuno sotto i riflettori. Ma, una volta che si diventa davvero famosi, si tende a restare tali. E le meteore? La celebrita’ temporanea esiste, ammettono i ricercatori, ma e’ molto rara e concentrata ai livelli piu’ bassi: e’ il caso di chi diventa famoso solo per la partecipazione a eventi particolari.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

SUN, gli studenti chiedono più appelli per i fuori corso

Next Article

Cina, aborto forzato al 7° mese: posta la foto su internet

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".