Virus Zika, il commento dell'esperta a CorriereUniv: "Niente allarmismi"

Il virus zika ha colpito già oltre 20 Paesi nel mondo, soprattutto in centro e sud america, e la sua diffusione è certamente un “fatto di grande importanza, da non sottovalutare, sebbene al momento per il nostro paese parlerei più di uno stato di allerta, non di allarme”. Sono queste le parole della Prof.ssa Susanna Esposito, Direttore dell’Unità di Pediatria ad Alta Intensità di Cura presso l’Ospedale Maggiore del Policlinico dell’Università degli Studi di Milano, in un commento al Corriere dell’Università.
Le parole sono rassicuranti, ma non c’è da sottovalutare l’infezione. “I sintomi del virus zika spesso non sono gravi, sono per lo più quelli tipici di una sindrome influenzale, come spossatezza, febbre, dolori articolari, congiuntivite ed eruzioni cutanee”- aggiunge Esposito. E’ piuttosto facile, quindi, che vengano confusi con altre patologie.
Il vero rischio, però, è per le donne gravide, perché “il virus potrebbe causare gravi malformazioni nel feto come le microcefalie”.
Anche in italia ci sono stati in passato vari casi di patologie infettive provocate da punture di zanzara, come quelli causati dal virus di west nile che, da paesi  lontani come l’Africa e l’Asia, è arrivato fin da noi colpendo alcune regioni in particolare, come l’Emilia Romagna.
A fronte di soggetti infetti il vero rischio è che “altre zanzare possano essere pericolose. La diffusione dei viaggi, poi, soprattutto verso mete di estremo grido anche in estate come i Caraibi, potrebbero far aumentare enormemente le situazioni a rischio” – commenta la prof.ssa Esposito. Raccomandiamo quindi per chi viaggia in queste zone un’attenta prevenzione alle punture di zanzara usando repellenti e coprendo il più possibile le parti esposte”.
In centro e sud america, inoltre, stanno monitorando i dati epidemiologici su alcune manifestazioni neurologiche come la sindrome di guillain-barrè, “una malattia rara che colpisce i nervi e che causa la paralisi di gambe e braccia, per escludere  – conclude Esposito – che ci possa essere una correlazione con il virus zika”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Assistenti di lingua italiana all'estero: ecco il bando 2016 - 2017

Next Article

Scuola, Università e Ricerca: la rassegna stampa di lunedì 1 febbraio

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.