“Porti il velo? Allora niente stage”

Young arabian woman in hijab with sexy blue eyes

Hai il velo? Allora niente stage. E’ accaduto a Cattolica, sulla riviera riminese, ad una studentessa 17enne di origine marocchina che frequenta il quarto anno dell’Istituto superiore per il turismo. La vicenda, segnalata sul sito di un giovane giornalista nato in Marocco che vive nel riminese, Brahim Maarad, e ripresa dai media locali, ne ricorda una analoga di tre anni fa: anche allora una ragazza che frequentava l’istituto alberghiero, aveva dovuto rinunciare allo stage causa velo, perchè quell’abbigliamento – le era stato detto dall’hotel dove avrebbe dovuto lavorare – va «contro la politica aziendale».

IL RACCONTO DELLA RAGAZZA – Anche questa volta, la studentessa 17enne avrebbe dovuto fare tre settimane di stage alla reception di un albergo di Cattolica, ma quando la direzione dell’hotel ha saputo che porta il velo è stata esclusa, perché «gli stagisti si devono comportare e vestire in un certo modo. Mi avrebbero accettata – ha spiegato la ragazza – solo se lo avessi tolto. Ho risposto “no”. Mi hanno discriminata ancora prima di vedere le mie capacità e competenze solo per un foulard che è segno irrinunciabile della mia fede e identità culturale».

L’ALBERGO: «È IL NOSTRO REGOLAMENTO» – La ragazza, come racconta l’Ansa, ha poi svolto lo stage nel municipio di un comune della zona, con mansioni che però nulla ha a che fare con le materie studiate a scuola. «Quando la scuola ci ha contattati – ha spiegato il direttore dell’albergo al Corriere Romagna – abbiamo fatto presente che la studentessa non avrebbe potuto indossare il velo relazionandosi con i clienti. Così come non accettiamo piercing, orecchini particolarmente vistosi, capigliature stravaganti. Il nostro regolamento è chiaro, la religione non c’entra nulla. Il nostro compito è fare accoglienza. Un cappuccino servito con un sorriso è più buono, con un velo il sorriso non si vede».

«I COLLEGHI HANNO SBAGLIATO» – Critico il presidente regionale di Federalberghi, Sandro Giorgetti: “È un errore impedire a questa ragazza di svolgere lo stage – ha detto alResto del Carlino – i colleghi hanno sbagliato”. Anche nel 2011 un’altra studentessa musulmana fu protagonista di un episodio simile, rischiando di non poter completare gli studi per il rifiuto da parte dell’albergo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Io, due lauree e un biglietto per il Giappone: "In Italia solo corruzione ed egoismo"

Next Article

Arriva la Settimana dell'Orgoglio Universitario: "Senza formazione il Paese muore"

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".