“Urbino in Emilia Romagna? Mr. Zuckerberg dovrebbe ripassare geografia”

zuckerberg

Gaffe Zuckerberg Il presidente della Regione Marche, Spacca, invita il fondatore di Facebbok a correggere la posizione di Urbino. Il messaggio scritto sul social network con tanto di faccina sorridente

 

Il decreto scuola ha riportato l’insegnamento della geografia negli istituti tecnici di tutta Italia, ma forse anche ai “cervelloni” come Mark Zuckerberg un po’ di ripasso non farebbe male.

Il fondatore di Facebook, infatti, è stato bonariamente ripreso dal Presidente della Regione Marche per aver posizionato la città di Urbino, sede storica di una delle Università più antiche di Italia, in Emilia Romagna invece che nelle Marche.

Questo il post scritto sul social network da Gian Mario Spacca: “Caro Mark Zuckerberg, mi chiedo perchè alcune città delle Marche, come Urbino, candidata a Capitale europea della cultura, risultano essere, per Facebook, in Emilia-Romagna e non nella nostra regione? E così altre città delle nostre meravigliose Marche, come Arcevia, Fabriano, Camerino, alcune in provincia di Pesaro e Urbino, come Acqualagna, Cagli, Urbania e altre. Possiamo provvedere a mettere in ordine la geografia di Fb? Grazie :)”.


Una bella tirata d’orecchie per Zuckerberg,
che sarà anche preparatissimo sulle nuove tecnologie e sulle forme di comunicazione 2.0 ma che sulla geografia italiana dovrebbe rivedere le sue conoscenze.

Chissà che questo scivolone non faccia riflettere anche tutti quelli che vorrebbero abolire le materie scolastiche tradizionali a favore di insegnamenti più “moderni”.

Messaggio Gian Mario Spaca

DI

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Da Unicredit stage retribuiti e borse di studio per studenti universitari

Next Article

Lauree folli, ora c'è anche quella in yoga

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".