Università di Salerno – Laurea Honoris Causa al segretario CISL, Raffaele Bonanni: i professori insorgono

laurea honoris causa raffaele bonanni

Sta sollevando un polverone di proteste la decisione dell’Università di Salerno di conferire, il 16 Giugno, una laurea honoris causa a Raffaele Bonanni, segretario generale del sindacato CISL: alla petizione lanciata via Facebook “Laurea Honoris Causa a Bonanni: Non in mio nome” hanno già aderito 160 docenti dello stesso Ateneo campano, e il loro numero sembra destinato a crescere.

“Chiediamo che la delibera di conferimento sia annullata per non svalutare l’istituto della Laurea Honoris Causa e salvaguardare la reputazione della nostra Università”, si legge nella petizione che, inoltre, contesta la validità dei meriti attribuiti dal Senato Accademico al segretario generale della CISL.

Il testo della petizione, che riportiamo di seguito, è stato già recapitato al Rettore dell’Università Aurelio Tommasetti, ai componenti del Senato Accademico e al Ministro dell’Università Stefania Giannini.

 

“LAUREA HONORIS CAUSA A BONANNI: NON IN MIO NOME”

Vogliamo esprimere la nostra contrarietà all’attribuzione di una Laurea Honoris Causa in Consulenza e Management Aziendale a Raffaele Bonanni.

Nella seduta del 20 maggio 2014 il Senato Accademico della Università di Salerno con votazione quasi unanime ha approvato, su proposta del Dipartimento di Studi e Ricerche Aziendali, il conferimento Honoris Causa della Laurea Magistrale in Management e Gestione Aziendale al segretario della CISL Raffaele Bonanni.

Ricordiamo che la Laurea Honoris causa è un titolo accademico onorifico che l’università conferisce “soltanto a persone che, per opere compiute o pubblicazioni fatte, siano venute in meritata fama di singolare perizia nelle discipline della Facoltà per cui è concessa ” (art. 169 Regio decreto 1592/1933).

I motivi principali che ci rendono contrari alla decisione sono:

1) Non riteniamo le opere e le pubblicazioni di Raffaele Bonanni per valore culturale-artistico, economico-sociale o tecnico-scientifico riconosciute ed apprezzate a livello nazionale ed internazionale, in particolare sotto il profilo dell’innovatività, e pertanto non meritano il conferimento della Laurea.

2) Troviamo singolare larga parte dell’impianto delle motivazioni approvate dal Senato Accademico in quanto frutto di forzature e spesso privo di fondamento. Ricordiamo, ad esempio, che tra le motivazioni a supporto di tale attribuzione vengono citate “l’invenzione del DURC” (Documento Unico di Regolarità Contributiva) ed opinabili motivazioni di carattere politico che riconoscerebbero a Bonanni di essere “tra i principali artefici del processo di riforma del sistema delle relazioni industriali che si evolve da un modello tipicamente conflittuale e rivendicativo verso un modello partecipativo e propositivo”.

Per questi motivi, chiediamo che la delibera di conferimento sia annullata per non svalutare l’istituto della Laurea Honoris Causa e salvaguardare la reputazione della nostra Università.

Riteniamo i motivi, per cui chiediamo che questa decisione venga ripensata, molto urgenti per la reputazione del nostro Ateneo e per questo ci attiveremo per divulgare nella maniera più estesa possibile la nostra contrarietà anche all’esterno dell’Università tramite media i nazionali e i social network.

ELENCO DEI PRIMI FIRMATARI

Andrea F. Abate
Felice Addeo
Francesco Paolo Adorno
Anna Alfani
Sabato Aliberti
Natale Ammaturo
Adolfo Avella
Diego Barletta
Grazia Basile
Maria Antonietta Belisario
Giovanna Bimonte
Massimo Blasone
Vittorio Bovolin
Davide Bubbico
Rita Calabrese
Giulio Erberto Cantarella
Carmine Capacchione
Lucia Caporaso
Paolo Capuano
Tonino Caruso
Stefano Castiglione
Guido Cavalca
Pietro Cavallo
Francesco Chiadini
Roberto Citarella
Federico Corberi
Chiara Costabile
Carlo Crescenzi
Gabriele Cricrì
Gennaro Cuccurullo
Francesco D’Agostino
Francesca Romana D’Ambrosio
Antonella D’Amelia
Stefano D’Atri
Giovanni De Feo
Flora De Giovanni
Salvatore De Martino
Salvatore De Pasquale
Giorgio Della Sala
Francesca Dell’Acqua
Fabrizio Denunzio
Antonio Di Nola
Paolo Diana
Cristiano Diddi
Vittorio Dini
Riccardo Distasi
Giorgio Donsì
Luca Esposito
Nello Fedullo
Flaminio Ferrara
Giovanna Ferrari
Franco Ferrari
Rosa Fiorillo
Giuseppe Foscari
Fernando Fraternali
Luigi Frezza
Carmine Gaeta
Maria Galante
Patrizia Gazzero
Claudio Gennarelli
Fabia Grisi
Maurizio Guida
Pasquale Iaccio
Raffaele Iannone
Irene Izzo
Nicola Lamberti
Alfredo Lambiase
Alessandro Laudanna
Charmaine Anne Lee
Antonella Leone
Domenico Lombardi
Fausto Longo
Marina Lops
Sergio Lubello
Domenico Maddaloni
Giuseppe Milano
Stefano Milione
Salvatore Miranda
Paola Montoro
Carlo Naddeo
Marcella Niglio
Leone Oliva
Guido Panico
Mario Alberto Pavone
Massimo Pendenza
Aldo Pinto
Stefania Pragliola
Jonathan Pratschke
Antonio Proto
Ileana Rabuffo
Fabio Raimondi
Rocco Restaino
Paola Rizzo
Alessandro Ruggiero
Federico Sanguineti
Renata Savy
Antonio Scaglione
Libero Sesti Osseo
Agnese Silvestri
Immaculada Solis Garcia
Marco Soria
Annunziata Soriente
Domenico Taranto
Antonella Trotta
Vincenzo Venditto
Giuseppe Vitiello
Vittoria Vittoria
Miriam Voghera
Walter Zamboni

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Norman, ricercatore suicida dimenticato dalle istituzioni. E il padre scrive a Napolitano

Next Article

Aran - Raggiunto l'accordo sugli scatti d'anzianità: recuperato il 2012, ma a spese del MOF

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".