#Università di tendenza su Twitter: tutti ne parlano ma nessuno sa realmente perché sta succedendo

Sul social network è tra le parole più twittate assieme a Fedez e lo scudetto dell’Inter. Pare che sia tutta colpa della ministra Messa.

Università parola, con tanto di hashtag, di tendenza su Twitter. E’ la sorpresa con cui da questa mattina che gli utenti del social network di notizie e microblogging stanno avendo a che fare tra lo stupore generale di molti.

Già, perché fino ad oggi che ci fosse una valanga di tweet contententi la parola #Università non era mai davvero successo tanto da farla balzare tra i primissimi posti degli argomenti più discussi del giorno al pari della presunta censura tentata dai vertici Rai contro Fedez, del 19esimo scudetto (con tanto di festa in barba a qualsiasi divieto di assembramento) dell’Inter e delle ultime offerte del colosso commerciale Amazon.

In molti quindi si sono chiesti il perché di tanta attenzione, twittando i loro dubbi e quindi innescando una sorta di circolo vizioso che ha fatto salire ancor di più la parola #Università tra le tendenza in Italia.

Diversi i tweet esilaranti che è possibile leggere: da quello di “Pincopallino” che ci vede un complotto da parte di qualche suo conoscente per obbligarlo finalmente a stampare quegli appunti che non vorrebbe nemmeno leggere a quello di Kiki che entra su Twitter per rilassarsi e dimenticare i guai del suo percorso di studi e si ritrova a leggere sempre e solo di università. Anche se la domanda che sembra essere comune davvero a tutti è sempre e solo una: perchè?

Di conferme ufficiali non ce ne sono ma sembra che ad innescare la valanga di tweet universitari sia stato l’intervento pubblicato sul Corriere della Sera della ministra dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa, e di cui anche noi di CorriereUniv abbiamo parlato stamattina .

Servirà a spiegare il mistero della giornata più social dell’Università?

Total
4
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Al W20 un progetto per inserire 100 donne nei libri di storia

Next Article

Maturità 2021, l'esame in poche mosse

Related Posts