Una buona colazione migliora il rendimento

Schermata 2013-01-25 a 13.42.39

Secondo i ricercatori, gli studenti che mangiano a colazione danno risultati accademici migliori, sono più presenti, si ammalano di meno e – cosa più curiosa – sono meno indisciplinati.

Gli studenti che mangiano meglio e che iniziano la giornata con una buona colazione hanno una minore tendenza a “boicottare” le lezioni.

La notizia arriva dagli Stati Uniti, dove si è aperto il dibattito e i giornali si chiedono: “perché, se è vero che la colazione è il pasto più importante del giorno, ci sono così tante scuole in cui gli studenti rimangono ancora affamati?”.

A far discutere è quel misero 35% di bambini che nelle scuole del New Jersey può usufruire di buoni pasto per la colazione.

La domanda, allora, è: c’è un rapporto tra il rendimento e il reddito degli studenti?
Pare proprio di sì. Per questo è importante supportare quegli studenti che hanno minore possibilità di acquistare gli alimenti necessari per una buona colazione. I buoni pasto sono indispensabili. Anzi, si dovrebbe fare di più.

Il dibattito si è spostato infatti anche a Boston, dove quest’anno le scuole offrono gratis la colazione a tutti gli studenti ed è stato studiato un “programma universale per la colazione gratuita”.
E’  nata così l’idea di riempire la pancia agli studenti, per supportarli nello studio.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tirocini: "Buon inizio ma le tutele riguarderanno solo la metà degli stagisti"

Next Article

Le leggi di Murphy per gli universitari

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".