Le leggi di Murphy per gli universitari

Schermata 2013-01-25 a 13.58.12

Dieci minuti per trovare su Wikipedia la legge di Murphy. E per dimenticarla.

“Se qualcosa può andar male, lo farà” è un incipit non proprio incoraggiante.

Per gli studenti coraggiosi (ed ironici), però, qualcuno ha inventato delle leggi ad hoc, ispirate al peggior catastrofista della storia.

Ecco le leggi di Murphy per gli universitari:

Le leggi del numero chiuso :

–  Se il numero è chiuso, tu non entrerai.

–  Sappi, però, che se anche dopo innumerevoli tentativi sei riuscito ad entrarci, sfidando ogni calcolo statistico, scoprirai che non ne è valsa la pena.

Leggi del terrore applicato all’università:

–  Ti ricordi gli appunti che hai preso? Se stai per andare a ripassarli, sappi che le parti che chiederà il professore sono quelle illeggibili. Cosa facevi? Sgranocchiavi patatine durante la lezione?

–  Più studi per un esame e meno possibilità avrai di conoscere la risposta giusta.

–  L’80% dell’esame si basava sull’unica lezione che hai saltato, durante la quale si parlava del solo libro che non hai letto.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Una buona colazione migliora il rendimento

Next Article

Terremoto tra Emilia e Toscana: la diretta Twitter

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.