Topo clonato 26 volte. I Giapponesi creano la riproduzione in serie

Schermata 2013-03-08 a 14.39.50

Un topo ‘copiato’, identico all’esemplare originale, per 26 volte. E’ la clonazione ripetuta in serie, a partire dall’ultimo animale riprodotto, dall’equipe giapponese di Teruhiko Wakayama, del Centro Riken per la biologia dello sviluppo. Per questa sperimentazione, avviata sette anni fa, sono nati, in totale, 598 topi uguali tra loro, come indica lo studio pubblicato su Cell Stem Cell, e’ il primo di questo genere. La tecnica di base utilizzata e’ il transfert nucleare delle cellule somatiche.

Consiste nell’introdurre in un ovocita enucleato della stessa specie materiale genetico prelevato dall’esemplare da clonare, ed impiantarlo nell’utero di una femmina. Un’operazione ripetuta poi, a catena, a partire dall’ultimo clone. Le copie ottenute – spiegano i ricercatori risultano praticamente identiche: l’ultimo topo creato conserva le stesse caratteristiche biologiche del primo, vivono lo stesso tempo e conservano normali capacita’ riproduttive. Sono state osservate solo piccole anomalie, in alcuni cloni, come la placenta piu’ grande, piccole differenze che non influiscono sulla vita degli animali. Secondo Wakayama, “applicando i risultati da noi ottenuti, e’ possibile la riproduzione di massa di animali anche dopo la morte dell’individuo d’origine.

Abbiamo aumentato il numero possibile di riproduzioni consecutive”. Un metodo che potrebbe essere utile a clonare su vasta scala, ad esempio, una mucca molto produttiva o un animale da macello con una particolare carne. “Vogliamo continuare ancora questa sperimentazione – spiega lo scienziato – per arrivare fino al punto in cui si potra’ dire che e’ possibile continuare la catena di clonazione all’infinito”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

AlmaLaurea: Tra laureati donne meno occupate e con stipendi più bassi

Next Article

In Italia il primo computer che sa riconoscere il pensiero

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".