Spray urticante in scuola a Pavia, soccorsi in 30

A pochi giorni dalla tragedia di Corinaldo altri due casi di allarmi causati dall’utilizzo dello spray urticante.

Un giovane ha usato uno spray urticante in un locale serale gremito di giovani, nella notte tra sabato e domenica, a Cantù (Como).  L’autore del gesto è un 21enne, residente a Mariano Comense, che avrebbe detto di averlo fatto per difendersi da un’aggressione. Per fortuna non si registrano feriti e nemmeno ricoveri. Quando sono arrivati i carabinieri hanno visto diversi ragazzi uscire dal locale, denominato ‘Spazio’ con gli occhi rossi e tossendo, ma il deflusso è stato regolare e il 118 non ha dovuto trasportare nessuno. Al momento non sono stati trovati riscontri alla giustificazione dell’aggressione.

Mentre sono ancora calde le polemiche relative alla tragedia della discoteca di Corinaldo, dove sono morti cinque adolescenti e una mamma di 39 anni, a Pavia si è verificata una maxi emergenza a scuola. Uno studente ha spruzzato dello spray urticante e trenta persone sono finite in ospedale.

118, studenti con sintomi da irritazione ma in codice verde

Le dinamiche sono ancora da chiarire, ma quello che si sa è che al momento 30 studenti sono rimasti intossicati e trasferiti in ospedale. Le loro condizioni sembrano non destare preoccupazione. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri e i vigili del fuoco che stanno mettendo in sicurezza.

I fatti si sono verificati attorno alle 11 meno venti, pare negli spogliatoi della palestra dell’istituto, probabilmente durante l’ora di ginnastica. Immediatamente si è scatenato il panico. Gli studenti che si trovavano negli spogliatori hanno iniziato a fuggire e urlare e qualcuno, nel caos, è rimasto ferito.
Sul caso è intervenuto anche il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti: “Quanto accaduto è inaccettabile. Che dopo la tragedia di Corinaldo, qualcuno si lasci andare all’emulazione di un gesto che ha causato vittime e molto dolore è un fatto che non può essere tollerato. Abbiamo contattato la scuola. Ci saranno interventi seri”.
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Hawking vs Einstein: ''Se finite in un buco nero, un'uscita c'è''

Next Article

Con AIESEC in Colombia per la lotta contro il cambiamento climatico

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident