Spari in classe alla prof con una pistola ad aria compressa: la docente denuncia tutti e 24 gli studenti

Lo scorso 11 ottobre in una scuola di Rovigo una docente venne colpita alla testa da alcuni proiettili di gomma sparati da una pistola ad aria compressa. Oggi la professoressa ha deciso di denunciare per lesioni personali, oltraggio a pubblico ufficiale, diffamazione a mezzo social e atti persecutori tutti e 24 gli studenti presenti in classe.

Tre mesi fa era stata colpita alla testa da alcuni proiettili di gomma sparati con una pistola ad aria compressa, oggi ha deciso di denunciare tutti e 24 i suoi studenti che quella mattina si trovavano in classe con lei: protagonista della vicenda – che fece il giro dei social grazie ad un video diffuso su TikTok  – è la professoressa Maria Luisa Finatti, insegnante di Scienze e Biologia all’Itis “Marchesini” di Rovigo. In una intervista pubblicata oggi dal quotidiano La Repubblica, la docente annuncia la volontà di querelare tutti gli studenti per i reati di lesioni personali, oltraggio a pubblico ufficiale, diffamazione a mezzo social e atti persecutori.

“Li denuncio tutti per difendere la mia dignità e quella dei miei colleghi, ma soprattutto perché è stato oltrepassato un confine – ha spiegato – Era l’11 ottobre scorso, un mese dopo l’inizio della scuola. Erano studenti di prima, appena arrivati alle superiori. Hanno avuto il coraggio di spararmi per ben due volte, una all’inizio della lezione e poi anche alla fine. Quattro o cinque pallini mi hanno colpito allo zigomo. Non mi sono resa conto subito della situazione”.

La docente è convinta che l’azione violenta nei suoi confronti fosse stata in qualche modo studiata a tavolino dai ragazzi. “Alcuni di loro avevano organizzato tutto: uno ha portato la pistola, uno ha sparato, altri hanno filmato con i telefonini. E tutto per cosa? Per guadagnare follower su Instagram e TikTok. Sono uscita dall’aula piangendo – ha aggiunto – Subito dopo sono rimasta a casa qualche giorno e ho passato notti insonni. Non ho più insegnato in quella classe ma l’ansia c’è ancora, così come il timore di essere derisa. Adesso spero non succeda più a nessuno. I genitori dovrebbero essere nostri alleati, invece sono totalmente schierati con i figli”.

LEGGI ANCHE:

Total
48
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Suarez, l'Università per stranieri di Perugia pronta a chiedere i danni al suo dg

Next Article

Aumentano i bocciati al primo anno delle superiori, l'appello di Save the Children: "Investire sull'orientamento"

Related Posts
Leggi di più

Bloccò spettacolo sull’Olocausto, il prof negazionista ora rischia la sospensione

Il ministro dell'istruzione, Giuseppe Valditara, ha annunciato la linea dura sul caso del docente di diritto dell'Itis "Curie Sraffa" di Milano che nei giorni scorsi aveva interrotto uno spettacolo teatrale sulla Shoah. "Il negazionismo è incompatibile con qualsiasi ruolo pubblico, ancor peggio nei luoghi deputati all’educazione dei giovani".
Leggi di più

Maledette tabelline: la sottosegretaria all’Università non risponde su quanto fa 7×8

Imbarazzo per la sottosegretaria Augusta Montaruli durante la trasmissione Un Giorno da Pecora di Rai Radio1: incalzata dal conduttore Giorgio Lauro, la deputata di FdI ha preferito non rispondere alla domanda su quanto facesse 7x8. Dopo qualche secondo di esitazione ha fornito la risposta esatta (56) ammettendo però di aver ricevuto un suggerimento da qualcuno presente in studio.