Roma Tre fa conoscere il floorball

L’Ufficio Iniziative Sportive di Roma Tre vuole far conoscere una disciplina interessante, divertente e facile da praticare, anche se un po’ faticosa.

floorball

Letteralmente lo potremmo tradurre “palla da pavimento”, in realtà è l’hockey indoor, la variante al chiuso dell’hockey prato. Nel Nord Europa è uno sport seguitissimo e molto praticato dalla seconda metà degli anni ’80. In Italia avrebbe tutti i numeri per diventare uno sport di ampio seguito ma rimane ancora chiuso in una nicchia dorata. Ecco perché l’Ufficio Iniziative Sportive di Roma Tre vuole far conoscere una disciplina interessante, divertente e facile da praticare, anche se un po’ faticosa.

In fondo, per giocare bastano una palestra, due porticine acquistabili in un negozio di articoli sportivi, una mazza per ciascun giocatore e una pallina di plastica.

Mercoledì 20 marzo 2013 alle ore 11 presso l’aula 14 della facoltà di Lettere e Filosofia, via ostiense 234, “Il Floorball e l’Italia”. Le regole, la filosofia del gioco, la commistione con altri sport, il margine di crescita anche presso le scuole.

Parteciperanno all’incontro: Jorgen Olshov (autore del libro “Prendo il floorball e lo porto a Roma”, edizioni Cinquemarzo, 2012); Daniele D’Anna (delegato federale Lazio della FIUF – Federazione Italiana Unihockey Floorball); Giulia Nardi e Mariangela Marotta (giocatrici Viking Roma e studentesse di Roma Tre).

Fonte: comunicato stampa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ristò, dai tavoli all'ufficio tecnico

Next Article

Peppa Pig, il cartoon inglese che fa impazzire i bimbi italiani

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".