Rientro a scuola, studenti sul piede di guerra: “Mancano mascherine e sicurezza nelle aule. Pronti allo sciopero”

L’Unione degli studenti critica le misure previste da Governo e Ministero dell’Istruzione per il rientro in aula. “Centinaia di scuole in sciopero e tante altre pronte a scioperare nei prossimi giorni”. Chiesto un incontro urgente con il ministro Patrizio Bianchi.

Sul piede di guerra e pronti allo sciopero: nel giorno della riapertura delle scuole gli studenti tornano a criticare l’organizzazione messa in campo da Governo e Ministero dell’Istruzione. Per l’ennesima volta il rientro a scuola è a singhiozzo e non sicuro, centinaia di scuole in sciopero e tante altre pronte a scioperare nei prossimi giorni. Questa volta a dire basta siamo noi studentesse e studenti del Paese – dichiara Luca Redolfi, coordinatore dell’Unione degli Studenti – dopo quasi due anni di pandemia è inaccettabile che la scuola continui a farsi trovare impreparata, il Governo ha delle responsabilità politiche gravi in questo disastroso rientro”.

“Diciamo basta al ricatto tra presenza e didattica a distanza. I trasporti e le nostre aule continuano ad essere sovraffollate, gli edifici scolastici sono inadatti per affrontare la pandemia, gli screening in tanti casi non sono stati fatti e non sono ancora stati programmati, le mascherine FFP2 non sono garantite nelle scuole, il sistema dei tracciamenti è completamente saltato – continua Redolfi – La soluzione però non può essere ancora la dad, è stato dimostrato come la didattica a distanza debba restare uno strumento solamente emergenziale. Ha provocato difficoltà di apprendimento, disagio psicologico e dispersione scolastica. Dopo due anni non si può più parlare di emergenza”.

“Già oggi in molte scuole del paese le studentesse e gli studenti stanno scioperando, siamo pronti a proseguire gli scioperi finché la situazione non cambia. Chiediamo di essere ricevuti il prima possibile dal ministro Bianchi, di avere la certezza che si intervenga sui problemi strutturali della scuola, che vengano garantiti tamponi e mascherine FFP2 a tutte le studentesse e gli studenti, che si riattivi il sistema di tracciamento” conclude Redolfi

Total
6
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Europa con Erasmus per il benessere psicologico dei giovani

Next Article

Riparte la scuola. Giannelli sulla Dad: "Ciò che non ha fatto il governo lo farà il Covid"

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.