Ricerca, insediato il nuovo Cda del Cnr

Si è insediato ieri, 22 settembre, il nuovo Consiglio di amministrazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), presieduto da Francesco Profumo.

Gelmini: “Ricerca è motore per la crescita economica”

Si è insediato ieri, 22 settembre, alla presenza del ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Mariastella Gelmini, il nuovo Consiglio di amministrazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), presieduto da Francesco Profumo. Nell’incontro è stato definito il futuro ruolo dell’ente, ed è stato stabilito il piano strategico per il suo sviluppo, con particolare attenzione alla valorizzazione del personale e della qualità della ricerca.

“La ricerca – ha dichiarato il ministro Gelmini – è il motore per la crescita economica. Il ruolo del Cnr è dunque fondamentale e rappresenta una risorsa da valorizzare per lo sviluppo del Paese. Dobbiamo soprattutto operare sinergicamente, per favorire l’internazionalizzazione della ricerca ed evitare la fuga di cervelli. Auguro a tutti voi un proficuo lavoro”. Nel ricevere gli auguri del Ministro, il Presidente Profumo ha sottolineato come il nuovo Cda avrà “un’attenzione prioritaria verso gli obiettivi del piano strategico dell’ente, della valorizzazione delle risorse umane e della relazione con il sistema delle imprese e delle università. La ricchezza del Cnr risiede nella sua rete scientifica. Ricerca e trasferimento tecnologico – ha concluso – sono uno strumento indispensabile per guidare l’Italia verso uno sviluppo solido, duraturo, e per affrontare al meglio le grandi sfide del futuro”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricercatore astrofisico presso lo IAC

Next Article

Crui, allarme tagli nelle università

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".